IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanità, Montaldo: “Elisoccorso in arrivo, niente maternità ad Albenga”

Albenga. L’assessore regionale alla sanità Claudio Montaldo, ad Albenga questo pomeriggio per presentare il rapporto sullo stato di salute dei liguri, ha parlato anche dell’imminente attivazione dell’elisoccorso a Villanova d’Albenga e del reparto di maternità del Santa Maria Misericordia: “Non ci sono fondi per attivare nuovi servizi, anche alla luce dei tagli di trasferimenti statali nel comparto sanitario, tagli che ci costringeranno a dover rivedere il bilancio della sanità ligure”.

“Per quanto riguarda l’elisoccorso proprio questa mattina ho parlato con il nuovo prefetto di Genova e la settimana prossima terremo una riunione tecnica dalla quale dovrebbe uscire anche la data di attivazione del servizio che completerà il percorso del Trauma Center”. Secondo quanto trapelato il servizio potrebbe essere attivato entro la metà di febbraio.

Appena arrivato l’assessore si è trattenuto in disparte con il primo cittadino di Albenga, Antonello Tabbò, cercando forse di spiegare le ragioni della mancata attivazione del servizio di maternità nel nosocomio albenganese, fortemente voluto, invece, dal sindaco albenganese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. pasquino62
    Scritto da pasquino62

    Caro hi-tech ti ringrazio per i complimenti che contraccambio volentieri. I tuoi commenti in questa materia mi paiono, oltre che misurati e concrerti, anche supportati da quella che io penso sia un notevole conoscenza diretta fdei fatti e dei luoghi.
    Concordo pienamente anche con le ultime considerazioni di Vespa propendendo per la soluzione che lui prospetta la punto 1). E vi giuro che non sono ne di Pietra ne di Albenga ma un semplice cittadino contribuente ligure.
    Le dichiarazioni elettorali enunciate nei giorni scorsi dal candidato Biasotti in materia di sanità sono talmente incredibili da far pensare che, durante i 5 anni del suo mandato da “governatore”, abbia vissuto sulla luna o a Topolinia.

  2. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Vespa> ..hai dimenticato un’opprtunità: riconvertire il blocco pareto ad altra specialità.Oggi la vedo la cosa piu’ sensata e porre fine alla “guerra dei bambini” che il PdL/AN ingauno hanno sterilmente innescato.Questo secondo me dovrebbe fare un buon tecnico di programmazione sanitaria. Il problema è che la programmazione richiesta, oggi, la fanno i politici, e questo sarebbe anche il meno peggio …ma spesso la fanno i trafficoni-prestati-alla-politica che tutto hanno a cuore meno che la nostra Sanità.
    Ha ragione in pieno l’amico Pasquino62, il mitico commentatore molto informato ed acuto che, credo, potrebbe integrare ulteriormente il discorso con autorevoli pareri, visto che con tale stile sempre si contraddistingue! Dai! Pasquino fatti vivo!!!!
    Una piccola osservazione-domanda: qual’è lo schieramento politico che oggi invoca un allontanamento della politica dalla sanità? Attendo risposte. Io so chi è l’unico partito oggi che nel suo programma ha questa “scomoda” posizione. Vediamo l’onestà intellettuale.

  3. Scritto da vespa

    Per la Maternità,le possibilità sono le seguenti:
    1) Lasciarla a S.Corona=non cambia nulla
    2) Spostarla ad Albenga=creando malcontento Santacoronese che sfocerebbe in rivolta popolare, Vaccarezza in testa
    3) Creare un doppione, 2 reparti uno ad Albenga e uno a S.Corona=spreco economico
    4) Aprire la Casa Parto ad Albenga= struttura assolutamente inutile
    Ora tocca ai politici scegliere, visto che il problema lo hanno creato loro (DX e SX assieme)
    Chi aspetta un figlio ha soltanto la voglia di farlo nascere nel posto più sicuro e non gli interessa nulla se questo posto sia ad Albenga o a Pietra Ligure

  4. Scritto da huatulco

    Anch’io penso che gli Ospedali di Albenga e Pietra Ligure non debbano farsi concorrenza e che ci sia spazio per entrambi. Purtroppo mi pare che il S. Corona venga costantemente favorito a discapito del S. Maria al quale viene assegnato il contentino dell’elisoccorso (ma che ce ne facciamo dell’elisoccoroso!? I problemi veri sono la quarta sala operatoria chiusa, le liste d’attesa lunghissime per interventi ordinari ed esami diagnostici, la terapia intensiva postoperatoria chiusa al sabato e domenica e via discorrendo). Mi sembra evidente che Neirotti, ex direttore generale del S. Corona, parteggi per il suo ex-Ospedale. E ribadisco che la cancellazione definitiva di ostetricia, dopo tanto prometterne la riapertura, è un segno pessimo per le sorti dell’Ospedale di Albenga nel suo complesso.

  5. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Vittorugo: quello che dici è FANTASANITA’ di parte e da campagna elettorale e non ha nulla di concreto. Ripeto: il bacino di utenza che compete ad Albenga NON consente assolutamente nessuna ipotesi di riduzione dell’offerta sanitaria! Caso mai le riduzioni potranno avvenire a Pietra Ligure, dove esistono specialità che , con una oculata ottica di programmazione sanitaria -PUR SE POSTUMA:::- , potranno essere tranquillamente divisi tra Pietra ed Albenga. La parola d’ordine oggi è: EVITARE I DOPPIONI. Questo non vuol dire diminuire l’offerta al cittadino ma MIGLIORARNE la fruibilità, compatibilmente con la contrazione dei costi.
    Caso mai è il contrario e moltissime linee di pensiero tendono a implementare il nosocomio ingauno. Anche in Regione la giunta Burlando sta valutando queste ipotesi, visto che le risors enon consentono nè oggi come allora di re-impiantare Maternità. Cosa credi che se dovesse arrivare Biasotti con la bacchetta magica tira fuoi i milioni di Euro che ci hanno tagliato dall’alto? Pensi che Biasotti ci metta dei soldi suoi personali…non credo proprio!
    Gli unici interventi che una, remota quanto ipotetica, giunta regionale di DESTRA potrebbe operare sarebbero quelli di far appassire specialità interne, ospedaliere, per dirottarne all’esterno, AI PRIVATI, in convenzione, la fornitura. Quindi CHIUDENDO settori ospedalieri e vendendosi gli immobili a S. Corona agli amici del cemento.
    Vedi perchè la politica ed i programmi del PdL NON sono per niente coincidenti con quelli del CENTRO?