IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, bilancio 2009 del turismo: calo lieve delle presenze

Regione. Il bilancio 2009 del turismo ligure è positivo. E’ stata infatti registrata una buona e sostanziale tenuta del settore. Molto meglio di altre regioni italiane e di aree geografiche di altri paesi europei concorrenti che presentano dati negativi anche a due cifre. Rispetto al 2008, il trend 2009 registra invece una lieve flessione degli arrivi stranieri (-1,09), con americani e inglesi che hanno risentito maggiormente della crisi.

Lieve flessione, compensata da una buona fetta di turisti italiani (+0,34) e da una migliore e graduale distribuzione delle vacanze nell’arco dei mesi. Calano americani e inglesi ma, rispetto al 2008, aumentano i francesi, i tedeschi e gli svizzeri.

“La Liguria si difende bene, Il turismo ligure è di grande qualità e conferma il forte richiamo del nostro territorio, nonostante un quadro generale difficile. Certamente la crisi c’è e si fa ancora sentire, le presenze sono diminuite (-1,48), gli operatori guadagnano di meno, i margini sono inferiori. Situazione che, a maggior ragione, deve spronarci a diversificare le proposte, come anche gli operatori stanno facendo per allungare la stagione e a essere pronti e attrezzati a vacanze più brevi nel corso dell’anno” ha spiegato l’assessore al Turismo della Regione Margherita Bozzano in una conferenza stampa per la presentazione e l’anticipazione dell’analisi dell’Osservatorio e dei contenuti e dell’analisi socio economica che saranno discussi nel Forum “Turismo in Liguria, risorse, scenari e prospettive”.

Il forum è in programma mercoledì 20 gennaio a Palazzo Ducale con le Università della Sapienza e Luiss, il presidente Claudio Burlando, il presidente di Slow Food Carlin Petrini e l’Isnart-Istituto Nazionale Ricerche Turistiche. L’assessore ligure al Turismo ha rimarcato l’importanza dell’aeroporto Cristoforo Colombo, invitendo istituzioni e operatori verificare l’effettiva capacità di incoming da parte delle compagnie low coast che ambiscono a venire a Genova.

“Oltre ai genovesi che partono, bisogna anche guardare con attenzione ai ritorni. La messa sul mercato, attraverso un bando di gara ormai imminente, delle quote dell’Autorità Portuale e l’arrivo di un nuovo socio di maggioranza (60%) nel pacchetto azionario dell’Aeroporto di Genova, sarà un momento molto importante per verificare la voglia di investire e per lo sviluppo e il rilancio dello scalo. Opportunità che richiederà impegno, professionalità e finanziamenti per far ripartire il sistema aeroportuale ligure che dovrà collaborare anche con gli scali di Pisa e di Nizza, in Costa Azzurra, quest’ultimo presto collegato con un servizio navetta giornaliero alle località dell’Imperiese e del Savonese, su iniziativa della Regione Liguria e dei Sistemi Turistici Locali” ha concluso la Bozzano.

Nella Provincia di Savona il calo, rispetto al 2008, seppur lieve, c’è stato. Nel 2008 si è registrato un – 4,78 % sulle presenze degli stranieri, mentre è stato ancora più piccolo il calo di presenze di turisti italiani (- 0,99 %). La maggioranza degli stranieri che ha deciso di passare le vacanze nel savonese veniva da Germania (30,13 %), Svizzera (15,25 %) e Paesi Bassi (12,76 %). A seguire Francia, Danimarca e Austria. Sul fronte dei nostri connazionali sono soprattutto lombardi, piemontesi ed emiliani a preferire la Liguria come meta delle vacanze.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Maurizio S

    Caro Eugenio anche se in parte condivido il tuo pensiero non possiamo non prendere atto di una realtà in cui gli attori che realizzano il sistema turistico in Liguria sonno innumerevoli, e per cambiamenti sostanziali da essi dobbiamo partire, dobbiamo fare uno sforzo di mentalità e cultura dell’ospitalità.A cui vanno aggiunte strategie di marketing per promuovere un prodotto che è rappresentato dal nostro territorio che francamente non svilirei come ai fatto tu.
    Prendiamo atto che i numeri sono una cruda realtà che con i tempi che corrono è estremamente positivo che non siano peggiorati, ricordiamo che il comparto turismo è una risorsa di lavoro per molte famiglie che di questo vivono.

  2. Scritto da Eugenio

    Una regione che al turismo non offre niente è anche capace di giudicare positivo il bilancio 2009 del turismo. Fossi uno straniero non verrei in vacanza in Liguria nemmeno se mi pagassero.