IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, alloggi pubblici per forze dell’ordine: diritti anche se in pensione

Regione. Ha avuto un epilogo positivo la situazione dei dipendenti delle varie Forze dell’Ordine che hanno il diritto di alloggiare in case pubbliche, e quindi di acquistarle in caso di vendita, ma che rischiano di perdere questi diritti al momento di andare in pensione. Questo accade perché secondo la normativa statale il diritto all’alloggio è previsto per il personale in servizio.

Oggi però le garanzie sono maggiori perché per quanto riguarda le norme emanate dalla Regione Liguria questi inquilini possono sia acquistare gli alloggi in cui abitano e che rientrano nel piano di vendita recentemente approvato dalla Giunta Regionale, sia rimanere in ogni caso nei loro alloggi. Restano semmai, per certi casi, da verificare le decisioni che fanno capo alla Prefettura per la decadenza di questi diritti dovuta appunto al pensionamento e alle esigenze di avvicendamento del personale.

La questione è stata chiarita anche nel corso di un incontro avuto questa mattina dal presidente della Regione Liguria Claudio Burlando con alcuni inquilini pensionati della Guardia di Finanza e l’amministratore unico di ARTE Vladimiro Augusti. Questi inquilini stanno per ricevere da ARTE una lettera che li informa ufficialmente della possibilità, per loro, di acquistare l’alloggio in cui risiedono alle condizioni del programma di vendite decise dalla Regione.

Burlando si era occupato della questione parlandone nei mesi scorsi con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta, e ottenendo una risposta positiva sia da Letta, sia dal ministro dell’Interno Maroni. “Per quanto riguarda l’iniziativa della Regione – ha ribadito Burlando – il diritto alla casa di queste categorie oggi è garantito. Con le risorse che deriveranno dalle vendite potranno essere realizzati nuovi alloggi per rispondere alle nuove necessità”.

In data 27 novembre 2009, infatti, è stato approvato dalla Giunta Regionale il Piano di vendita relativo agli alloggi di edilizia residenziale pubblica di proprietà di A.R.T.E. Genova. Il Piano prevede fra l’altro una norma transitoria e di salvaguardia che riguarda specificatamente gli alloggi di servizio delle forze dell’ordine realizzati ai sensi della Legge 06/03/1976, n.52 che sono stati inseriti nel Piano medesimo.

In particolare gli occupanti di questi alloggi di servizio che hanno presentato domanda di acquisto nei termini e secondo le modalità riportate nel precedente Piano di Vendita, predisposto ai sensi della Legge n.560/93 e della L.R. n.10/1994, ma la cui istanza non ha trovato accoglimento, possono, ancorché nel frattempo siano stati dichiarati decaduti dall’assegnazione a seguito di pensionamento, ripresentare domanda di acquisto dell’alloggio attualmente occupato e inserito nel nuovo Piano di vendita, con le modalità e le condizioni indicate nel Piano medesimo.

Gli altri assegnatari degli alloggi di servizio, inseriti nel Piano di vendita, sono considerati regolari assegnatari alla data di approvazione del Piano (27 novembre 2009), per cui l’eventuale decadenza per pensionamento successiva a tale data non pregiudica la possibilità di acquisto, sempre secondo le modalità e nei termini fissati dal Piano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. franciullo domenico
    Scritto da franciullo domenico

    Io personalmente dal mese di aprile 2011 sono stato posto in congedo assoluto per motivi di salute e in data odierna mi e’ stata notificata l’ingiunzione di sfratto da parte della prefettura
    fissando un arco temporale di sei mesi per lasciare casa
    premetto che alla stipula del contratto sia gli alloggi costruiti ai sensi della legge 203/91 che quelli costruiti in base alla legge 52/76 prevedevano la decadenza ad occupare l’alloggio nel caso del personale posto in pensione o di trasferito ad altra sede .
    praticamente ad oggi ne la prefettura ne la regione liguria ne l’ a.r.t.e.
    hanno fatto chiarezza su tale argomento

  2. franciullo domenico
    Scritto da franciullo domenico

    gli alloggii costruiti ai sensi della legge 203/91 per il personale impegnato nella lotta alla criminalità organizzata
    alloggii ubicati in genova bolzaneto in via san biagio di valpolcevera
    godono degli stessi benefici di quelli costruiti ai sensi della legge 52/76????? il personale in congedo puo’ rimanere negli alloggi ????
    o si perde il requisito ad occupare il medesimo ?
    credo che su questo ci sia molta confusione
    cordialmente
    brigadiere capo in congedo franciullo domenico