IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Progetto Maersk, Conferenza dei Servizi: Provincia soddisfatta

Vado Ligure. Al termine della Conferenza dei Servizi in sede referente tenutasi oggi a Milano e relativa al progetto della piattaforma Maersk, il vice presidente della Provincia di Savona, Luigi Bussalai, ha espresso la propria soddisfazione.

“L’esito di questo incontro è stato assolutamente positivo – ha dichiarato -. Questa opera, infatti, oltre ad essere inserita in tutti gli strumenti di pianificazione (Piano Costiero, Piano territoriale di Coordinamento Provinciale, Piano Regolatore Portuale, eccetera) è stata anche oggetto di un processo concertativo sfociato, nel 2008, nell’accordo di programma firmato da Regione Liguria, Provincia di Savona, Autorità Portuale e comune di Vado”.

“Nel corso della riunione – ha affermato Bussalai – la Provincia ha manifestato la volontà che la Conferenza dei Servizi possa proseguire fattivamente e celermente poiché il progetto Piattaforma Maersk è fondamentale e strategico per lo sviluppo dell’intero comprensorio. L’impegno della Provincia sarà assicurato, anche e soprattutto, nella fase di determinazione e valutazione degli impatti ambientali e logistici dell’opera, sui quali è nostro dovere vigilare al fine di ottenere le massime garanzie”. Grande soddisfazione è stata espressa anche dal presidente della Provincia Angelo Vaccarezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da antonio gianetto

    Dimenticavo di segnalare che esiste anche la CSB ( Container security box : http://www.csb-technologies.com/index ), con la quale i containers sono costantemente tenuti sottocontrollo. Grazie al GPS, si può controllare, su uno schemo del PC, in ogni istante, la sua posizione, ed essere informati, anche, se qualcuno ne ha aperto le porte.

  2. Scritto da AT

    @ GBC: e invece come si porrà la futura giunta scajola-biasotti nei confronti del problema piattaforma?

    P.s. Lei che è del giro, è vero, come si sente dire da più parti che scajola si è già messo d’accordo con l’altro claudio per lasciargli la regione in modo da togliersi dai piedi l’inviso sandrino e in cambio ha ottenuto la testa della giunta vincenzi dopo le regionali ecc. ecc. Oppure ce la farete a perere la regione da soli?

    Grazie in anticipo per la cortese e sincera risposta.

  3. Scritto da antonio gianetto

    Guardate questa bella immagine: http://kottkegae.appspot.com/images/containers.jpg
    Come noterete sono riusciti ad impilarne 8, pensare che appena un anno fa parlavamo di 5: miracolo delle gru telescopiche, in futuro riusciranno sicuramente a fare di meglio.
    Attualmente l’ altezza maggiore segnalata di un container 40′ ( 12,024 mt ) x 9′ 6″ ( 2,350 mt ) è: 2,697 mt ( 2,697* 8 = 21,576 mt ) più i 4 di evevazione piattaforma ( salvo conguaglio ) arriviamo ad oltre 25 metri. Un muro davanti all’ abitato di Vado, con quale nome verrà ricordata quest’ opera? ” la grande muraglia di Vado ” o ” il vallo di Portovado” ?
    E quanto sopra nonostante: http://www.uominiliberi.eu/gennaio10/Decreto.pdf
    In riferimento ai tanto segnalati posti di lavoro, il comune di Vado ( vecchia amministrazione: http://www.comune.vado-ligure.sv.it/multimedia/321/BROCHUREportoVado.pdf )
    segnalava questi: Previsioni di occupazione diretta
    – Al 2012: 298 unità (58 personale amministrativo, 240 personale tecnico).
    – Al 2020: 401 unità (65 amministrativi, 336 tecnici).
    Previsioni di occupazione indotta direttamente sulla piattaforma
    (es. Compagnia portuale): 250 unità a regime.
    N.B. questi dati erano stati segnalati prima che la Maerks ci facesse vedere che è possibile andare avanti riducendo drasticamente il personale.
    In merito al personale amministrativo, in loco, ci ha fatto capire che se ne può fare a meno, ( questo lo avevo segnalato anch’ io in un mio intervento tempo addietro, prima che questo si verificasse da noi ). Per quanto riguarda quello tecnico, ormai la tecnologia ci ha messo a disposizione elementi che riduranno notevolmente anche quelli: microcips che contengono i dati indicativi di un container: matricola, contenuto, peso, porto d’ origine, caricatore, ricevitore, pratiche commerciali e doganali, polizza di carico ecc. ecc. che saranno facilmente rilevabili con uno scanner e faciliteranno lo sbarco e l’ uscita dal porto.
    Per quando riguarda la movimentazione, basta andarsi a vedere, via web, cosa succede nel porto di Rotterdam, dove i containers, una volta sbarcati, vengono sistenati su mezzi senza guida umana, che controllati a distanza, raggiungeranno il punto dove verranno smistati per la loro destinazione.

  4. Bruno Pirastu
    Scritto da Bruno Pirastu

    Forse … molti quando pensano a una mega nave , ai numeri milionari di containers movimentati , vanno con la mente al Porto classico, quello di una volta con i Camalli !!! Se e quando sarà operativo questo Terminal l’automazione del settore sarà più progredita di quanto lo sia già adesso e questo vuol dire che le uniche persone che ,forse , saranno operative saranno quelle che rimettono sui binari i vagoni quando deragliano, cosa abbastanza normale, nella movimentazione tra gli scambi della banchina. I gruisti… non sono i vecchi mancinanti ma personale altamente specializzato che viene formato non con un part time di sei mesi e poi sono 4 o 5 gru, massimo in turno una 30 di persone per il resto personale generico, tipico di non alta professionalità e da capire se la sua gestione sarà di competenza della Maersk perchè se così fosse …. Riparazioni e manutenzione … si qualcosa può arrivare ma si tratta di personale , come quello generico ,che troverebbe comunque lavoro in qualsiasi altra attività che non snaturi la rada di Vado facendola diventare una piastra di cemento. Il ragionamento da farsi è Il gioco vale la candela ? Considerazione finale, peraltro sempre valida : quando si prendono decisioni di questo livello dove si stravolge il territorio in una misura così grande ed irreversibile !!! vale la Regola che chi è al momento , temporaneamente , alla guida possa deciderlo oppure sia diritto di TUTTI dire che cosa si vuole fare del bene comune di TUTTI , ma proprio TUTTI e non solo degli,ovviamente, interessati ? PS) Qualcuno ha detto agli specialisti che se la Rada di Vado è così notoriamente tranquilla è grazie alla Tramontana che viene giù dalla Valle e che mentre spiana il mare …. blocca la movimentazione delle Gru che oltre a tot kmh di vento non possono operare perche i cassoni dondolano ( ecco forse perchè si cercano soluzioni sperimentali come quella dello sbarco/imbarco senza gru !!! )

  5. G.B. Cepollina
    Scritto da G.B. Cepollina

    anche su questo argomento una riflessione comune ad altri: come si porrà la futura amministrazione regionale sull’argomento in caso di vittoria di burlando? mezza maggioranza abbondante a favore della piattaforma, PD e UDC il resto contro… comunisti vari, verdi, idv…. ?