IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piano carceri, martedì Alfano lo illustrerà ai sindacati di Polizia Penitenziaria

Il Piano carceri del Governo, recentemente approvato in Consiglio dei Ministri, sarà illustrato martedì 26 gennaio, alle ore 15, presso la Sala Livatino del Ministero della Giustizia, dal Guardasigilli Angelino Alfano alle Organizzazioni sindacali del Corpo di Polizia Penitenziaria.

A darne notizia è Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, che aveva appunto chiesto nei giorni scorsi al Ministro Alfano di chiarire al Sappe ed alle Sigle sindacali i contenuti del piano carceri approvato. Un Piano che interessa molto anche la Liguria, una delle Regioni con le case circondariali più “affollate” d’Italia.

“Apprezzo la sensibilità del Ministro Alfano, che ha ritenuto opportuno incontrarci per illustrarci i contenuti del piano carceri – commenta Capece -. Il Primo sindacato della Polizia Penitenziaria, il Sappe, ha già espresso un parere assolutamente positivo in relazione all’utilizzo delle procedure edilizie straordinarie ed alla necessità dell’assunzione, sempre con procedure di urgenza, di 2.000 unità di Polizia Penitenziaria. Sicuramente una parte di questi proverrà dai concorsi riservati ai volontari in ferma breve delle Forze Armate (e, anzi, auspichiamo che il Ministero della Giustizia produrrà ogni atto utile nel contenzioso amministrativo attualmente in atto finalizzato a scongiurare l’annullamento del concorso dei neo agenti di Polizia Penitenziaria del 160° e 161° corso che stanno in questi giorni sostenendo l’esame finale dopo aver frequentato il corso di formazione). Altrettanto auspicabile è che una quota parte della assunzioni avvenga attraverso un concorso pubblico aperto a tutti”.

Il Sappe, che pure ha già espresso l’ampia “condivisione” alle annunciate “norme di accompagnamento che attenuino il sistema sanzionatorio per chi deve scontare un piccolissimo residuo di pena”, rinnoverà al Ministro l’invito a “mettere mano alle piante organiche del Corpo di Polizia Penitenziaria ed a definire accordi concreti con i Paesi esteri affinchè i detenuti stranieri (ben 25mila in Italia) scontino la pena nelle carceri dei Paesi di provenienza”.

Nel corso dell’incontro di martedì 26 gennaio prossimo il Ministro della Giustizia e le Organizzazioni Sindacali della Polizia Penitenziaria sottoscriveranno anche l’Accordo sul Fondo per l’Efficienza dei Servizi Istituzionali per il Personale del Corpo relativo all’anno 2009.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.