IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga: la denuncia degli abitanti di Vico Fossato a Lusignano foto

[thumb:15950:l]Albenga. L’avvocato Bruno Robello De Filippis si fa portavoce delle lamentele degli abitanti della zona Vico Fossato, nella frazione ingauna di Lusignano.

Una zona che, da quanto fa sapere un centinaio di residenti, è attraversata non da una strada asfaltata che dovrebbe portare verso casa, ma da una sorta di fiume, come si vede anche dalla fotografia qui pubblicata.

“Almeno cento persone, ogni giorno, sono costrette a guadare un fiume per raggiungere le proprie abitazioni- fa sapere De Filippis -. Tra la loro casa e la civiltà, o almeno una strada asfaltata, uno specchio d’acqua, da attraversare in ogni stagione, con ogni condizione meteorologica. Tutto questo non avviene in zone disagiate del terzo mondo, bensì ad Albenga, seconda città più popolosa della provincia di Savona e tra i centri economicamente più importanti di tutta la Liguria. Dove, nella frazione di Lusignano, più precisamente nella zona Vico Fossato, oltre un centinaio di residenti, tra cui vi sono donne, bambini, anziani, malati e disabili, sono obbligati a guadare un fiume”. [image:15952:r]

“Queste persone sono tagliate fuori dal mondo civile: in caso di maltempo, alcune di loro sono persino obbligate ad aggiustare la strada con interventi di emergenza di tasca loro – continua De Filippis – è inammissibile che sussista una situazione di questo genere in Liguria, nel 2010”.

“Una situazione che ha costretto alcuni dei residenti ad acquistare fuori strada e SUV, al fine di poter raggiungere le proprie abitazioni, e che perdura da anni, senza alcun intervento concreto da parte della giunta comunale. In questi tre mesi che ci separano dal voto per il rinnovo del consiglio comunale mi auspico che il Sindaco Tabbò metta mano al portafoglio comunale e ponga in essere un ponte mobile temporaneo, perché è assurdo che queste persone debbano vivere come nel medioevo: il Comune ha più volte gettato via valanghe di soldi pubblici in modo quantomeno discutibile, è giusto che si occupi di una situazione urgente che, in caso di pioggia, diventa drammatica”.

“In vista della composizione della squadra per affrontare le elezioni”, conclude l’avvocato ed ex coordinatore di Forza Italia Albenga, “proporrò ai vertici cittadini del Popolo della Libertà di inserire la realtà di zona Vico Fossato tra i primi punti del programma elettorale. Mi batterò e farò quanto in mio potere affinché il prossimo Sindaco di Albenga realizzi una nuova strada, completamente asfaltata, che consenta alle persone di arrivare alle loro abitazioni incolumi”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da 3106907

    Il vero problema della zona è che c’è un rio che invece di passare sotto il livello del terreno attorno, passa più alto, creando non pochi smottamenti nei terreni circostanti quando ci sono forti piogge, cioè il rischio lo si ha in tutta la stagione autunnale e invernale. La strada in questione è stata nel secolo passato modificata dai privati e attualmente c’è un progetto nella conferenza dei servizi, tale progetto prosegue da 13 anni e non si è ancora arrivati ad un progetto preliminare.

    L’amministrazione comunale uscente ha sempre promesso che la strada sarà quasi pronta, ma solo promesse, inoltre sul puc che è stato redatto da poco, e che porterà lo sviluppo di Albenga fino al 2025, non prevede nessun tipo di strada.

    L’attuale percorso che residenti e turisti devono fare con le loro vetture e ridicolo, passare in mezzo a un fiume in piena non è sicuramente una bella esperienza. Inoltre l’amministrazione non ha nemmeno pensato alla possibilità di unire le nuove residenze costruite sulla sponda destra con quelle sulla sponda sinistra, chi vuole passare da una sponda all’altra è costretto a guadare il fiume sperando nell’appoggio di qualche pietra solida, oppure rischiare la vita sulla provinciale, su cui non esiste nemmeno un singolo marciapiede!!!

    Eccoti la situazione!!! Se sei interessato ad avere altre informazioni dispongo di video e foto che testimoniano alcune piene degli ultimi 15 anni….

  2. Scritto da joshua

    MI SAI DIRE VISTO CHE SAREI INTERESSATO ALL’ACQUISTO DI UN IMMOBILE,SOCIETà NEXITY, IN QUELLA ZONA LE CONDIZIONI GENERALI URBANE E STRADALI?IN PIU’ PARLI DI RISCHI DI NATURA GEO PUOI PRECISARE?GRAZIE MILLE

  3. Scritto da vespa

    La zona sarà certamente disagita ma anche nella foto è ben visibile una casa in costruzione; forse una maggior accortezza nel rilasciare le licenze non guasterebbe, poi è inutile continuare a lamentarsi per i disastri annunciati che periodicamente si verificano in Italia.
    Se si chiama vico Fossato, un motivo ci sarà.
    Quando si costruisce in una zona si dovrebbe sempre tener conto delle caratteristiche orografiche del territorio.
    Comunque il problema esiste da decenni, periodo in cui il centrodestra ha governato la città ingauna per 2 mandati, quindi l’ex-coordinatore di Forza Italia ed i suoi non sono certo esenti da responsabilità.