IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Loano, Vaccarezza: “Entro luglio il nostro prossimo candidato sindaco”

Loano. Il sindaco di Loano Angelo Vaccarezza, dopo la convinta decisione di rimanere anche primo cittadino loanese, ha parlato del futuro politico-amministrativo della città che sarà chiamata al rinnovo di consiglio e giunta comunale alle elezioni del prossimo anno: “Non appena finite le elezioni regionali ci siederemo attorno ad un tavolo e inizierà una serena discussione su colui che sarà il possibile nostro candidato”.

“Entro luglio – ha proseguito Vaccarezza – definiremo già le liste che formeranno la nostra coalizione. Sono convinto che ci siano varie personalità in grado di proseguire al meglio il lavoro intrapreso da questa amministrazione”.

Vaccarezza ha ribadito di non rimpiangere assolutamente la scelta di rimanere in carica come sindaco di Loano fino alla scadenza del mandato anche alla base di una linea scelta da tutta la maggioranza di centrodestra. “E’ da 25 anni che sono partecipe della vita politico-amministrativa loanese e ritengo di aver lavorato al meglio per la mia città e che ci siano tutte le condizioni per proseguire il programma amministrativo fino al prossimo anno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. LEONIDA
    Scritto da spartacus

    SAPUTONI

    come sempre sparano insulti

    in quanto al problema era chiaro l’errore
    quindi il postante prof poteva evitarsi
    gli insulti di ignorante per il presidente della provincia
    ……..ma certo quando un presidente è un sinistro è un’istituzione
    quando è un centrista come minimo è un povero sprovveduto

    poi se non vi piaccio non leggetemi….
    e la censura lasciatela alla redazione di ivg
    che la sa fare molto bene

    in quanto ai compagni ho anche governato
    con loro…..è ho conosciuto i metodi!!!!!!!!

  2. leva1974
    Scritto da leva1974

    Sono orgoglioso di non capire i post di spartacus il 99% delle volte…

    DESTRI INCAPACI CHIEDETE SCUSA….

    ho già chiesto alla redazione in altri post di limitare la maleducazione e mi sembra che questa mia richiesta sia oltretutto condivisa.

  3. Scritto da r. bazzano

    caro spartacus, mi spiace, ma leggo solo ora, dato che ultimamente grazie a Dio ho parecchie cose divertenti da fare.

    La ringrazio peraltro per la sollecitudine con cui mi invita a scusarmi, sollecitudine che sono certo avrebbe avuto anche se “l’offeso” fosse stato un rappresentante dell’UDC, del PD o dell’Italia dei Valori o altri.

    Nella giusta foga di difendere l’onore turbato, però, lei non ha tenuto conto del principio di responsabilità che dice che ogni cosa che porta il marchio di un Ente o di un’azienda è sotto la responsabilità della massima carica dell’Ente o Azienda stessa.
    E’ “il capo” a risponderne e semmai poi a rivalersi su chi ha fisicamente commesso l’errore.

    Questo è uno dei motivi per cui il capo prende anche molti più soldi degli altri: la responsabilità..
    Ma forse animato dal sacro fuoco etico-moralistico non ha tenuto conto di questo fatto… no, non mi dica che lo ignorava!

    Non credo che lei se ne “strabatta altamente” della responsabilità e delle istituzioni come fanno Papi e tutti i suoi emuli (a destra e a sinistra per par condicio), sennò non mi avrebbe chiamato in causa per farmi assumere le mie di responsabilità.

    Beh, stavolta ha sbagliato e accetto le sue scuse, anche se magari non me le farà qui, ma apprezzo il fatto che segua i miei interventi con attenzione, anche se da un po’ partecipo molto meno di prima e le fornisco meno occasioni. Le garantisco che farò il possibile per recuperare.

    A proposito, un plauso a IVG che si è scusata subito per la svista nel trascrivere il testo dello spot.

    Cari saluti.

    P.S. alle superiori i comunisti dicevano che ero fascista, i fascisti che ero comunista e i democristiani che ero anarchico. Questo mi ha fatto capire molto e mi ha spinto a crescere e lavorare e ragionare senza tessere di partito.
    Ragion per cui il suo appellativo “sinistro” lo prendo volentieri come “tipo losco” che mi piace, mi dà un po’ di senso di avventura. Un po’ come se Papi mi chiamasse “comunista”, via!

  4. Scritto da Maurizio S

    Ho già sollevato la questione posta da fabrizio, ma Spartacus fa’ il militante politico disfattista, e suppongo non sia in grado di reggere minimamente un dibattito intellettualmente concreto , probabilmente è una vittima dello stereotipo Berlusconiano, con l’unica capacità di essere un destroso ossessionato dai comunisti, forse li sogna la notte, magari crede ancora che i cinesi i bambini li bollono, sapete lo ha raccontato il presidente più inteliggente che abbiamo avuto in 150 anni.

  5. Scritto da fabrizio2001

    Guardi Sig. Spartacus, mi permetto di intervenire, per ricordarle che il Sig. Bazzano si è limitato a scrivere un ironico post su quello che è stato un evidente svarione dell’articolista… Le scuse, se dovute, sarebbero da chiedere ad IVG per l’imprecisione grammaticale… e la redazione mi è sembrata assolutamente tempestiva e onesta intellettualmente, nel comunicarlo.
    A parte questo mi sentirei di consigliarle una cosa che, se avesse tanta dimestichezza con i forum e i thread pubblici quanta ne ha per questi spaventosi comunisti, dovrebbe sapere bene: lo scrivere doppi post, specialmente così sintetici e, soprattutto, il farlo reiteratamente, sono visti, in ambito virtuale, come segni di grande maleducazione…
    In futuro, con un pò di attenzione in più, potrebbe rendere la “conversazione” più godibile per tutti quelli che vorranno parteciparvi.