IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Liti tra vicini di casa, una ogni 12 minuti: “colpa” degli amici a quattro zampe

Una lite ogni dodici minuti. Questo il record di condomini inferociti per la presenza di cani o gatti negli appartamenti dei vicini.

Nel 2009 sono state 37.000 le segnalazioni arrivate allo Sportello Animali di Aidaa (Associazione italiana per la difesa di animali e ambiente) relative a richieste di consulenza e conciliazione in seguito a liti di questo tipo. Rispetto al 2008 vi è stato un aumento di 11.000 richieste di consulenza.

Diminuiscono invece i contenziosi che finiscono in tribunale, nel 2009 infatti sono state 3.800 le liti poi approdate nelle aule giudiziarie civili e penali rispetto alle 4.500 del 2008. Nel corso del 2009 sono state 54 le liti degenerate che hanno provocato feriti. Per quanto riguarda gli animali oggetto delle segnalazioni i cani rappresentano il 70% del totale, seguono i gatti con il 26%, i conigli con il 2%, mentre il restante 2% è riferito ad altri animali come tartarughe ed uccelli canterini.

Le regioni dove si litiga di più fra condomini per gli animali sono la Lombardia e il Piemonte, seguite da Lazio, Veneto, Emilia e Toscana. Si litiga molto poco invece in Valle d’Aosta, Molise, Liguria e Basilicata.  Più della metà delle richieste relative ai cani ha riguardato il disturbo provocato dall’abbaiare dei cani durante le ore di riposo e in quelle notturne. Seguono questioni legate all’uso di ascensori e degli spazi condominiali pubblici da parte dei cani e dei loro padroni.

Sono in aumento anche le proteste relative a escrementi lasciati dagli animali in spazi o giardini condominiali. La stragrande maggioranza delle segnalazioni relative ai gatti riguarda invece la poca tolleranza relativa alla presenza di colonie feline nei condomini, che invece sono tutelate dalla legge 281 del 91.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mario Caccamo

    Costanti statistiche, ultima quella dei EURISPES ed ENPA, provano che il 70% degli elettori è per l’abolizione della caccia. Coraggio, cominciamo con l’abolire Biasotti alle prossime regionali.

  2. Scritto da Mario Caccamo

    Due volte a settimana questa strana associazione animalista diffonde statistiche, dati e numeri, spesso dannosi agli animali e dei quali non si conosce l’origine; significativo il “lancio” dell’inizio della scorsa estate quando profetizzò un aumento degli abbandoni di animali, clamorosamente smentito dai fatti. Il dubbio che sorge è che lo faccia per avere visibilità, anche a scapito della corretta informazione e del genuino amore verso gli animali.
    Chiedo a IVG di verificare, nei limiti di quanto può, l’attendibilità di quanto riceve e divulga. Grazie.