IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Fumatori in aumento nel 2009, in barba alla legge Sirchia

[thumb:3283:l]Fumatori in aumento in Italia. In barba a leggi e divieti. A 5 anni dall’entrata in vigore della legge Sirchia contro il fumo nei luoghi pubblici, infatti, la forza di volontà degli italiani vacilla.

Nel nostro Paese i tabagisti sono passati “da 11 milioni nel 2008 a 13 milioni nel 2009”. Lo sottolinea la Lega italiana per la lotta contro i tumori (Lilt), evidenziando che “per la prima volta” dalla normativa del 2005 “il numero dei fumatori è aumentato: un’inversione di tendenza che ha visto soprattutto gli ex fumatori riprendere in mano la sigaretta”, osserva l’associazione in una nota.

Nella Penisola, ricorda l’onlus, fuma oggi il 25,4% degli ultra 15enni: “Circa 13 milioni di italiani, di cui 7,1 milioni di uomini e 5,9 milioni di donne”. La fascia d’età in cui si registra il numero maggiore di fedeli alle ‘bionde’ è quella tra i 25 e i 44 anni (32,1% di fumatori), mentre per i giovani di 15-24 anni la percentuale di tabagisti è simile a quella degli adulti 45-64enni: rispettivamente 29% e 29,3%.

E Lilt avverte: “Il fumo di tabacco contiene prodotti tossici 400 volte più alti dei livelli per i quali in una città viene fermata la circolazione delle auto”. Fumatore avvisato, mezzo salvato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Leofinalese

    Questo è uno degli altri misteri della psiche umana…si prova soddisfazione a farsi del male, puntando sul fatto che il piccolo piacere è momentaneo e la grande sofferenza è differita.