IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Firme false, Vaccarezza non risponde alle domande: “Sottoposto a gogna mediatica” foto

Savona. Si è avvalso della facoltà di non rispondere, Angelo Vaccarezza, nell’interrogatorio che si è appena concluso a Palazzo di Giustizia a Savona sul caso delle firme false raccolte alle scorse elezioni provinciali.

Il presidente della Provincia ha motivato in vari modi questa decisione. “E’ stato un incontro cordiale col procuratore Francantonio Granero e col sostituto procuratore che, sono sicuro, stanno facendo seriamente il loro dovere – esordisce Vaccarezza -. Ho deciso di non rispondere alle domande innanzitutto perchè, essendo accusato di un reato vasto e in concorso con altri, non mi era stato chiarito finora contro che cosa avrei dovuto difendermi nello specifico. Aspetto la conclusione delle indagini e l’eventuale accertamento, da parte della Procura, di miei comportamenti non corretti per riferire. Mi sarei aspettato comunque di essere ascoltato prima come persona informata  sui fatti e solo in un secondo momento, eventualmente, come indagato”.

“E poi ho voluto mettere fine al processo mediatico cui sono stato sottoposto in questi giorni – conclude Vaccarezza -. Una gogna mediatica che, in quanto presidente della Provincia, non fa bene a nessuno: sento l’esigenza di impedire di ritrovarmi sul giornale ogni giorno. Ho portato con me un faldone pieno di articoli che mi riguardano e che si riferiscono ad un’indagine comunque coperta da segreto istruttorio, per cui non capisco come siano uscite certe notizie o, più precisamente, certe distorsioni di esse. Sono ovviamente certo che la Procura non ha responsabilità in questo senso, ma io, più che me stesso, intendo tutelare il mio ruolo di presidente della Provincia di Savona”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Aurelio Bianchi

    Caro spartacus,
    mi pare che a volte esci un po’ dall’argomento.

  2. Scritto da antonio gianetto

    Tutto è nato dal fatto che il presidente aveva dichiarato che avrebbe risposto alle domande dei magistrati. Sarebbe stato obbligato a farlo se sentito come testimone. Invece ha scoperto di essere imputato, quindi si è avvalso di un Suo diritto ( CODICE DI PROCEDURA PENALE – PARTE PRIMA – LIBRO PRIMO – SOGGETTI
    – TITOLO IV – Imputato ( art. 64 comma 3 – a ) : http://www.altalex.com/index.php?idnot=2339
    Evidentemente pensava di essere sentito come testimone, possibile che non era al corrente di essere imputato?

  3. LEONIDA
    Scritto da spartacus

    RADICALI

    qualche giorno fa avevano chiesto
    un indagine a tutto campo su come
    vengono raccolte le firme………
    il seguito ????????……..

  4. LEONIDA
    Scritto da spartacus

    COMUNI……..

    perchè non si fa una bella indagine
    sul colore delle migliaia e migliaia
    di mc di cemento calati sul porto savonese
    e su tutti quelli che si vorrebbero
    ancora gettare

  5. LEONIDA
    Scritto da spartacus

    PROSSIMA TORNATA

    e se le cose vanno avanti così
    al prossimo giro la batosta è ancora più grossa
    la gente ha sempre più chiara la sensazione
    che vogliate andare a governare per vie traverse

    FORZA ANGELO