IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ex cava Pontinvrea, Plinio (Pdl): “Nuovi test per tutela salute dei cittadini”

Regione. Il consigliere regionale del Pdl Gianni Plinio ha presentato una interpellanza urgente al presidente della Regione Claudio Burlando ed all’assessore all’Ambiente Franco Zunino per chiedere il ritiro del Decreto Regionale del 28 settembre di autorizzazione di una variante del programma di coltivazione della cava “Fossa di Lavagnin” a Pontinvrea, con relativa sospensione delle attività e di disporre l’immediato posizionamento di piezometri e di strumenti utili al rilevamento di biogas nel sottosuolo in modo tale da tutelare la salute dei residenti.

“Con questa iniziativa intendiamo corrispondere alle preoccupazioni degli abitanti di Pontinvrea ed alle richieste dello stesso Sindaco Matteo Camiciottoli – ha detto Plinio. Sulla base di valutazioni preliminari di esami esperiti da tecnici sulla discarica sembrerebbero risultare anomalie termiche del terreno e la potenziale presenza di biogas nel terreno. Con il diritto alla salute dei cittadini non si scherza! E’ necessario che la Regione intervenga prontamente e si faccia piena chiarezza. Se qualcuno, con comportamenti inerti oppure omissivi, ha messo a grave rischio la pubblica salute deve essere individuato e severamente sanzionato. Faccio osservare che un ordine del giorno del 3 marzo 2009, di cui ero primo firmatario, fu approvato all’unanimità dal Consiglio Regionale e impegnava la Giunta Burlando a completare gli accertamenti chimico geotecnici e, se del caso, procedere allo smaltimento dei rifiuti tuttora abbancati nella discarica: cosa che finora non ha fatto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Aurelio Bianchi

    E’ strano che tutti quelli che si scandalizzano per le firme di Vaccarezza sono totalmente indifferenti a certe vicende ambientali.
    Vedi questa cava, la discarica della Filippa, il raddoppio della centrale di Vado, la centrale a biomasse di Ferrania, la Margonara, ecc…
    Forse il loro segretario non ha dato disposizioni in merito, e loro non sanno che posizione prendere.

  2. Droppy
    Scritto da Droppy

    Oramai i rifiuti sono stati tombati.

    Inoltre da quanto ne so la discarica non ha il recupero del percolato per cui va tutto direttamente nel fiume.

    CFS ed istituzioni dovevano intervenire quando arrivavano i camion.

  3. Droppy
    Scritto da Droppy

    Oramai è tardi, i rifiuti sono stati tombati. Se si farà mai la bonifica sarà a carico della collettività????

    Da quanto sò la cava non ha neppure il recupero del percolato quindi le porcherie vanno dirette verso nel fiume.

    Perché a suo tempo non sono intervenuti CC e CFS?? dove erano le istituzioni allora quando arrivavo i camion?????