IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Don Luciano trasferito nel carcere di Valle Armea

Alassio. Dal carcere di Chiavari a quello di Valle Armea a San Remo. Don Luciano Massaferro, il parroco di San Vincenzo e San Giovanni di Alassio, arrestato il 29 dicembre dalla squadra mobile della questura di Savona con l’accusa di violenza sessuale su una sua chierichetta di 11 anni, ora è detenuto nel penitenziario della “città dei fiori”.

“Il trasferimento è stato deciso l’amministrazione carceraria per ragioni di sovraffollamento – spiega il suo avvocato Alessandro Chirivì -. In effetti don Luciano divideva la cella con altri sette detenuti, uno spazio troppo stretto per tutti. Ora è rinchiuso in quello sanremese dove probabilmente lo spazio per i carcerati è leggermente più ampio”.

Don Luciano si è portato con sé il messalino ed il brevario e dopo aver incontrato nei giorni scorsi il vescovo della diocesi di Albenga-Imperia, monsignor Mario Oliveri, nel corso del quale don Luciano ha pianto tutto il tempo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da voola

    scommetti che non hai capito niente! scommetti che se sparisci facciamo una festa! poveretto. comunque tanto per la cronaca, comunista ci sarai tu. Stai parlando con una leghista straconvinta.
    pensi che non finirai mai in carcere…beh ti auguro di finirci per errore come è successo ad una persona a me molto cara…poi ne riparliamo.

  2. Scritto da freeholly9

    senti voola del tuo parere mene frega meno di zero.impara a scrivere in un italiano decente,poi ne riparliamo.il fatto che nella foto è nascosta la faccia sottoterra,è proprio un messaggio per persone come te.se per caso riesci a compenderlo vado ad accendere un cero alla madonna.intanto se le carceri sono piene di extracomunitari per la maggior parte,è colpa di gente come te che farebbe entrare cani e porci in italia.scommetto che voti comunista,sei iscritta a nessuno tocchi caino,e sei contro la pena di morte..mi spiace,non andremo mai in sintonia!ma chi se ne frega!il mio era un messaggio di solidarietà x i poveri polli.scusami se delle carceri non me ne interesso,ma non penso proprio di finirci…

  3. Scritto da pucci

    per prima ogni cittadino deve essere giudicato per la sua condotta e non per altrri fattori come nazionalità, ricchezza, mestiere o religione. Perciò credo che negli articoli non si debba enfatizzare che è un prete. Di conseguenza se il modo di procede corretto è questo non bisogna scandalizzarsi se lo applicano anche per un sacerdote.
    Secondo: fosse stato un muratore non ci sarebbero stati tutti questi articoli con particolari inutili al fine dell’informazione. Cosa mi importa se ha il breviario in cella????
    Terzo: fino a quando non è emessa un’eventuale sentenza di condanna Don Luciano Massaferro è innocente. E’ inutile commentare pro o contro.
    Come già detto trovo allucinante fare un distinguo perchè è un prete. Se è colpevole del reato, a prescindere della senteza del giudice (che può anche sbagliare essendo un uomo), sarà lui che dovrà rendere con a dio di ciò che ha fatto. E la chiesa dare una spiegazione come certa gente possa diventare sacerdote.
    Se invece risulterà innocente, come spero, allora bisognerà andare a chiedere conto a chi ha formulato accuse tanto ingiuriose.
    Ma ora è meglio lasciare lavorare chi sta investigando sul caso.
    ciao

  4. Scritto da Leofinalese

    Adesso per il Vescovo Oliveri è un bel problema perchè non credo al fatto che, da innocente ,Don Luciano abbia pianto tutto il tempo senza fare, anche brevemente, le sue ragioni.
    Papa Benedetto su questi temi è stato severissimo e secondo me se il Vescovo è convinto dell’innocenza deve ora dirlo chiaramente.
    Il tacere lascia troppi sospetti e getta nel dubbio tutti i suoi fedeli.

  5. Scritto da voola

    freeholly, il fatto che nella foto nascondi la faccia è assolutamente irrilevante visto che la tua VERA faccia si vede comunque. vergognati. Scontare una pena non vuol dire non essere più persone. Informati su quelle che sono le condizioni dei carceri, in special modo di quelli della nostra regione…poi parla, anzi no stai zitto comunque, tanto parli solo per provocare. Non ho mai letto un commento costruttivo. solo attacchi, polemiche, insulti.