IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Consiglio provinciale, Vaccarezza: “Non ho motivo di dimettermi” foto

Savona. Il presidente della Provincia di Savona, Angelo Vaccarezza, al termine dell’odierno Consiglio, spiega la sua scelta di restare in carica. “C’è chi chiede perché non mi sono dimesso – afferma Vaccarezza -, ma in realtà la domanda dovrebbe essere: perché mi sarei dovuto dimettere?”.

“Da tempo – dichiara – avevo riflettuto sul fatto che se la vicenda del Tar fosse stata ancora rinviata avrei preso in esame la possibilità di dimettermi per mandare la Provincia al voto e darle una guida definitiva e sicura. Così non è stato e il ricorso in sostegno del Pcl ha finito il suo corso. Pertanto non ci sono più motivazioni plausibili per doversi dimettere. Continuiamo a lavorare e credo che questa vicenda abbia in qualche modo rinforzato il rapporto con il nostro elettorato”.

Riguardo alla scelta di minoranza di abbandonare l’aula, Vaccarezza commenta: “L’uscita dall’aula dell’opposizione la considero una loro grave sconfitta. E’ una scelta di chi da sei mesi non fa opposizione. Io non ho deciso di non farli parlare: la fase di comunicazione iniziale l’hanno utilizzata per dire altre cose. Ricordo loro che c’era la possibilità di presentare una mozione, un ordine del giorno. Quando si ha la coscienza poco pulita si tende a sottrarsi dal confronto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da r. bazzano

    Un paio di approfondimenti a favore dei cittadini non srebbero male, sennò sanno sempre e solo quello che Bostik e i suoi gli vogliono far sapere e che è ben distante dalla verità….

  2. Scritto da Mauro Brunetti

    Perchè dimettersi ?
    Forse perchè contravvenendo alle leggi il PdL non poteva partecipare
    Basta o servono approfondimenti?

  3. Scritto da r. bazzano

    Belìn Maurizio hai ragione!
    Ma se va a vanti a non fare niente come adesso e a incassare denaro pubblico dal Ccomune di Loano e dalla Provincia prima o poi lo tagliano i suoi stessi amichetti.
    Almeno il minimo potrebbe farlo.
    Io penso che o non si è ancora accorto che la campagna elettorale è finita (e qualcuno dovrebbe dirglielo) o che sia semplicemente malato di protagonismo e allora mandiamolo al Grande Fratello, dove fa i suoi show, intrattiene il pubblico bue e lasia ilposto a qualcuno che abbia voglila di fare qualcosa per i cittadini, che sia di sinistra o di destra, ma che faccia qualcosa di utile…

  4. Scritto da Maurizio S

    Carina questa satira. Peccato per noi che sia l’amara verità, una giunta ogni 45 giorni in sei mesi quattro di cui nell’ultima si è fatto un comizio con la presenza di un folto pubblico amico , fatto intervenire per l’occasione, grandi cervelli ad ascoltare un grande profeta!!!! Fate come se foste a casa vostra tanto io ho il bostiK.

  5. Scritto da r. bazzano

    da “radioprovincia”:
    “Clamorosa decisione del presidente Angelo “Bostik” Vaccarezza di non dimettersi da presidente provinciale nonostante la scena muta davanti ai giudici dell’inchiesta “firme false” e le pressioni dell’area Biasottana.
    D’altra parte il soprannome del presidente la dice lunga sull’attaccamento alla poltrona/e anche a quelle degli “enti inutili”.
    Ma ripercorriamo in breve la sfolgorante carriera le nostro amato presidente.
    Circa un anno fa gli viene paventata la possibilità di correre per la provincia come presidente. Egli oppone un netto “no, le province vanno abolite” fino a che un amico dandogli di gomito gli dice “sono 80.000,00 euri l’anno… e non devi nemmeno lavorare che ci pensa Bertolotto… fai un po’ te!”

    Al che all’utlo di “La Provincia ha bisogno di me!” il nostro Bostik si appresta alla campagna elettorale.
    Viene subito scartato lo slogan proposto da Barbero: “Vaccarezza? Ci metto la firma!” perchè tacciato di portare sfiga…
    Si opta per un fumetto in giallo e blu che I maligni dicono abbondantemente smagrito…
    ma finalmente si arriva alle elezioni e il buon Bostik vince al primo turno con il 61% di preferenze come previsto…
    ah no? mi sono sbagliato?
    Ah, è vero, ha vinto al secondo turno con il 52%… vabbè l’importante è che ha vinto, non conta se ha perso per la strada un 10% dei consensi previsti …
    Insomma, ha vinto e si è messo subito al lavoro.
    Ah, no?
    Come non ha fatto nulla?
    Ah, dice che si è fatto bello con i risultati della passata amministrazione e con un paio di colpi ad effetto di Scajola e basta?
    Non ci credo! Ma se ha fatto più lui in 8 giorni che De Gasperi in 10 anni!

    Cosa? Dice che ha trasformato una trasmissione televisiva della provincia per i disoccupati in una vetrina elettorale in cui appare sempre lui?
    Ma ne ha fatte di cose!!!!
    Come cosa?

    Beh, prima cosa ha fatto un paio di volte la giunta perchè girali come vuoi ‘sti assessori non son proprio dei fulmin di guerra e potevano anche fare danni. Così si è dovuto prendere quasi tutta lui la roba che conta.

    Poi ha fatto causa a Calzedonia, poi ha frantumato i maroni a tutti uno per uno con la storia del crocifisso
    Poi ha fatto una prodigiosa e fondamentale campagna per il senso civico e chi non la capisce è scemo e non è – come dicono tutti – una gran presa per i fondelli oltre che uno spreco di denaro pubblico. INcvece è opera meritoria e importante! Da anni tutti si chiedevano perchè non si facesse mai una campagna ermetica per sviluppare il senso civico. Perchè sprecare sempre soldi come negli anni passati per le strade, la banda larga o per informare i cittadini su cosa fa l’ente?

    Poi nel frattempo avrà anche mangiato, dormito e fatto un po’ di vita in famiglia, un po’ di sorrisi da sindaco, qualche intervista in giro e cosa vuoi sei mesi sono volati!
    Non vorrai mica che facci anche il presidente davvero con quellla miseria che gli danno!
    Che se non fosse anche sindaco dovrebbe chiedere l’elemosina!

    Però ora c’è una nuova possibilità: Siccome l’hanno indagato, la Robertina… ma sì, la futura nuora di Mastella, ha telefonato al fidanzato per fargli dire al suocero (Clemente) di dire a Silvio (Papi) che finalmente la procura ha indagato il buon Angelo “Bostik” Vaccarezza, e che quindi può andare a fare il parlamentare e Biasotti può mettere uno dei suoi in Provincia!

    Certo, non è stato condannato e magari non lo sarà mai per una belinata come questa che vai a sapere se c’entrava davvero, ma l’occasione non bisogna lasciarsela scappare!!!
    Bisogna battere il Papi finchè è caldo che sennò sti giudici comunisti pur di far dispetto al PDL indagano uno della lega e in parlamento poi bisogna portarci quello!!

    Povero Bostik che vita ingrata! Io avrei dato le dimissioni da tempo: mi annoierei a stare davanti alle telecamere senza concludere nulla per mesi…

    Però all’opposizinoe gliele ha cantate! “Un’opposizione fantasma che in questi mesi non ha fatto nulla”
    Per dovere di cronaca abbiamo intervistato i capigruppo di opposizione alla nostra domanda “perchè non fate opposizione?” Loro hanno risposto: ” Beh, per fare l’opposizione ci dovrebbe essere una maggioranz axchche lavora…. Perchè vuol dire che la Provincia ha una Giunta? e che sta facendo? Non ci prendete per i fondelli!, se ci fosse na maggioranza qui si saprebbe almeno dai giornali!”