IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cioccolatini alla cocaina dalla Colombia ad Alassio: arrestati 2 trafficanti (foto) foto

[thumb:15959:l]Alassio. Trafficavano dalla Colombia cioccolatini con un ripieno un pò “particolare”. Non si trattava di rhum o qualche altra golosità, bensì di cocaina liquida purissima destinata allo spaccio. Gli affari di due cittadini extracomunitari, ma entrambi residenti ad Alassio, andavano a gonfie vele fino a poco tempo fa. Ieri infatti Luis Armando Rossi, 32 anni, nato nella Repubblica Dominicana, residente in frazione Solva, e Rodriguez Venturini Mariano, 32 anni, nato in Colombia, residente a Pieve di Teco, ma di fatto domiciliato anch’esso in frazione Solva, sono finiti in manette.

Il Nucleo Operativo della Compagnia di Alassio, coordinati dal Maggiore Samuele Sighinolfi, al termine di un’operazione di servizio condotta in collaborazione con il R.O.S. di Genova e la Polizia Aeroportuale inglese, ha quindi arrestato i due “alassini” responsabili dell’importazione ai fini di spaccio di droga dalla Colombia mentre si preparavano alla fuga nel continente sud americano.[image:15958:r]

Luis Armando Rossi e Mariano Rodriguez Venturini avevano appunto organizzato un traffico di cocaina liquida purissima tra la Colombia ed Alassio semplicemente confezionando dei pacchi che venivano trasmessi tramite un noto corriere internazionale. La droga all’interno dei pacchi era nascosta in ovuli ricoperti di cioccolato e incartati con la confezione di grossi cioccolatini brasiliani (marca “Serenada de amor”). Una sorta di Mon Cherì contenente cocaina liquida.

Uno di questi pacchi però, indirizzato ad Alassio in via Solva, durante dei controlli allo scalo aeroportuale di Londra Gatwick è finito nelle mani della Polizia inglese che mediante l’utilizzo di scanner per individuare la presenza di liquidi nei pacchi ed apparecchi radiografici ha scoperto gli ovuli contenenti lo stupefacente liquido ed ha immediatamente allertato le Autorità italiane.[image:15960:r]

L’indagine è così passata nelle mani della Procura di Savona che ha delegato le attività al R.O.S. e al Nucleo Operativo di Alassio. Oltre al pacco inglese, il R.O.S. di Genova ed il Nucleo Operativo di Alassio hanno sequestrato un pacco all’aeroporto di Linate ed è stato bloccato un altro pacco all’aeroporto di Bogotà per un totale di 1 chilogrammo di stupefacente.

La cocaina vale sul mercato fino a 100 euro al grammo ma siccome quella pura mediamente viene tagliata sino a ricavarne tre dosi, il kg poteva fruttare nella vendita al dettaglio circa 300.000 euro. La cocaina liquida è una novità assoluta nella provincia di Savona e nella regione Liguria. Mediante l’utilizzo di particolari reagenti chimici si è scoperto che si tratta di cocaina pura ma ancora non si conoscono i metodi di lavorazione per trasformarla in stato solido o i metodi per l’assunzione allo stato liquido.

Oltre alla droga nelle abitazioni dei due sono stati inoltre sequestrati 3000 euro e 2700 dollari in contanti. E’ stato poi anche rinvenuto un biglietto aereo per la Colombia con imminente partenza dalla Spagna che ha confermato agli inquirenti che i due fermati, insospettiti dal mancato arrivo dei tre pacchi, si stavano preparando alla fuga nel continente sud americano.

[nggallery id=369]

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    …Spartacus….lo sapevo che quelle caramelle che vi hanno inviato per Natale dal PdL vi avrebbero fatto male!!!!!!!!!!!

  2. LEONIDA
    Scritto da spartacus

    COLOMBIANI

    vanno consegnati immediatamente
    al consolato colombiano a genova
    per il rimpatrio……..

    questi con tutti i buonisti italiani
    ci costano milioni di mantenimento