IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Campus di Savona: a febbraio l’Erasmus Day

Savona. Il Campus universitario di Savona ospiterà in febbraio la manifestazione “Erasmus Day”, iniziativa che intende divulgare tra gli studenti il Progetto Erasmus, che si pone l’obiettivo di promuovere e rafforzare l’identità culturale europea tra i giovani di tutta Europa attraverso l’interazione e il coinvolgimento in contesti diversi (arti, musica e spettacolo).  L’appuntamento è per il 25 febbraio alle ore 10,30 nell’Aula Magna al primo piano di Palazzina Lagorio.

Saranno presenti i referenti Erasmus dei Corsi di Studio attivi presso il Campus Universitario di Savona e personale dell’Ufficio Mobilità Internazionale dell’Ateneo di Genova, che daranno informazioni sulle opportunità di effettuare soggiorni di studio all’estero.

Il progetto Erasmus, come programma di scambi culturali finanziato dall’UE per consentire agli studenti universitari di svolgere una parte degli studi in un altro paese europeo è stato avviato nel 1987 e in oltre venti anni un milione e mezzo di giovani hanno conosciuto lingue e culture diverse, vivendo in modo completo l’esperienza di cittadini europei.

Erasmus offre infatti ad uno studente europeo la possibilità di studiare in una università straniera o effettuare un tirocinio in un paese presente all’interno dell’Unione per un periodo che va dai 3 ai 12 mesi. Sono possibili anche soggiorni di studio in alcuni paesi associati all’Unione come Liechtenstein, Islanda, Norvegia e Turchia.

Il budget previsto per il periodo 2007-2013 è di 3,1 miliardi di euro, i quali, divisi tra tutti gli studenti partecipanti compongono la borsa che dà diritto ad una somma di denaro e all’iscrizione gratuita nell’università ospitante. La somma ricevuta si compone di un fisso mensile, considerata la differenza del livello di spesa, e di una quota variabile in base alla fascia di reddito. La borsa dà inoltre diritto a un corso di lingua e alla pratica di uno sport, presso le strutture dell’università ospitante.

Lo studente interessato può consultare il bando – che esce nei primi mesi dell’anno – presso il sito internet della propria facoltà e, una volta effettuata la candidatura, sarà valutato da una commissione che stabilirà le graduatorie nell’arco di un mese. Nell’anno seguente lo studente potrà partire nel semestre da lui scelto e potrà così svolgere esami nell’università ospitante facendosi poi riconoscere gli esami svolti anche nell’università del proprio Paese. Per gli studenti esclusi dalle graduatorie esiste una possibilità di ripescaggio per le destinazioni nelle quali nessuno ha fatto richiesta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.