IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cairo, il Comune si mobilita per i bimbi di Haiti

Cairo M. Anche il Comune di Cairo vuole essere vicino ai terremotati di Haiti. L’amministrazione comunale ha infatti dato mandato al Servizio di Assistenza Sociale affinchè venga attivato con il Ministero degli Esteri e con il CAI – Comitato Adozioni Internazionali un percorso di aiuti in favore dei bambini rimasti orfani in seguito alla tragedia di Haiti.

La Giunta approverà nei prossimi giorni un piano d’intervento finanziario per sostenere un percorso di affido temporaneo in favore di orfani della popolazione di Haiti in linea con quelle che saranno le indicazioni del piano straordinario annunciato dal CAI e quindi sostenendo sia percorsi di adozione a distanza che di affidamento sul territorio cairese sia con l’ausilio di strutture proprie, sia andando a ricercare il sostegno delle famiglie che già si sono rese disponibili.

Da oggi qualunque cittadino cairese interessato ad ottenere informazioni e rilasciare la propria disponibilità a percorsi di affido potrà rivolgersi allo Sportello del Distretto Socio Sanitario del Comune di Cairo (tel. 01950707321 – mail: servizisociali@comunecairo.it) in orario di ufficio mattutino 8,00 – 13,00.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Claudio Sala

    Iniziativa lodevole, punto e basta…

  2. Scritto da cairesedoc

    Iniziativa lodevole.

    Colpisce il tono dell’annuncio, sembra uno stato sovrano, invece di un paese di provincia.

    Speriamo che il Ministero degli Esteri e il CAI si attivino immediatamente, altrimenti il sindaco cairese li licenzia subito.