IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Biasotti a Pietra: “Risolleverò la sanità ligure: esami diagnostici in 30 giorni” foto

Pietra Ligure. E’ Pietra Ligure una delle tappe – precisamente la seconda, dopo Altare – del tour elettorale ponentino di Sandro Biasotti, candidato del centrodestra alla poltrona di presidente della Regione Liguria. L’appuntamento è presso il gazebo del Pdl in piazza Duomo. Grinta, fiducia, volontà e ottimismo: sono questi gli ingredienti con cui pormette di “condire” la sua politica.

“La tappa a Pietra Ligure è doverosa – esordisce Biasotti -. Qui sono stato più volte e qui i cittadini hanno bisogno di garanzie, come, peraltro, tutto il Savonese. Mi sento di dare delle garanzie soprattutto a proposito dell’ospedale della città che, in questi anni, è stato depotenziato da una sinistra che ha fatto fantomatiche proposte di riduzione di costi a scapito della qualità dei servizi. Quello della sanità è un problema comune a tutta la Liguria in cui deve essere rimessa al primo posto la meritocrazia e l’accesso ai servizi dei cittadini”.

Una “stoccata” anche contro l’assessore regionale alla Sanità Montaldo che, qualche giorno fa, ha annunciato che Albenga non avrà il reparto di maternità.

“Non capisco questa decisione di Montaldo – dice -. Nella provincia di Savona si sono persi molti punti in questo settore, molti sono andati in altre regioni perchè si è lottizzato troppo e questo non ce lo possiamo permettere. Pensiamo allo scandalo degli esami diagnostici e dei tempi di attesa. Faccio una promessa: mi impegno a garantire ai cittadini esami diagnostici in 30 giorni. Come? Facendo accordi con i sindacati che lo vorranno per far lavorare tecnici, infermieri e dottori anche il weekend e il pomeriggio, con aumenti di stipendio ovviamente. La sinistra sulla sanità ha fallito”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. corsaronero
    Scritto da corsaronero

    Ma ragazzi, tenete presente che la sig.na mariangela è abituata a saltare quà e là come una farfalla……..

  2. Bruno Pirastu
    Scritto da Bruno Pirastu

    Posso ? Mi sembrava di ricordare qualcosa , infatti :

    Articolo n° 12505 del 02 luglio 2007 ore 14:35

    Si parla dell’accordo tra Piemonte e Liguria per la condivisione di personale e strutture sanitarie per eliminare le liste di attesa ed aumentare la produttività. Purtroppo non si riesce a leggere bene l’articolo perche si sovvrapone una foto !!!! Domanda che fine ha fatto l’accordo ? era uno di quelli del famoso LIMONTE !!!!

  3. Scritto da Aurelio Bianchi

    Mi sembra una discussione sterile.
    Di due tifoserie schierate e urlanti.

    Non mi piace.

  4. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    … visti i precedenti…l’unica cosa che puo’ risollevare…è UNA MERCEDES in officina sul ponte!

  5. Scritto da antonio gianetto

    Comprendiano che il governo Prodi avesse dei sei problemi da affrontare, ma ” la porcata di Calderoli ” se l’ è tenuta! Forse non pensava di cadere così presto, ma, se non sbaglio, è grazie a questa, che ha vinto le elezioni. Qui ci raccontano gli avvenimenti: http://www.comedonchisciotte.net/modules.php?name=News&file=article&sid=674
    Non so come siano andate realmente le cose, ma si intuiva che c’ era qualcosa di strano.
    Qualcuno avanzò delle ardite ipotesi e mise in circolazione un libro con video ” Uccidete la democrazia ” In seguito fu segnalato: “Uccidete la democrazia!” Film sui brogli elettorali: Enrico Deaglio indagato per diffusione di notizie false. Nel 2009 ci fu la condanna per diffamazione: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=73230 . Chissà se riusciremo a vedere la fine di questa storia. Per i curiosi il filmato di 51,09 minuti è scaricabile qui: http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Search&testo=uccidete+la+democrazia&tipo=testo
    Subito dopo la sentenza: Enrico Deaglio presentò a Pordenone il suo nuovo libro: “Patria 1978-2008″ e anche qui ha parecchio da raccontare.