IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bella, sexy e russa: ecco la moglie “virtuale” che nasconde la fregatura

Tra le location più “originali” per sposarsi potrebbe esserci anche quella decisamente rischiosa di internet. Sì, perchè la nuova frontiera della truffa online sembrano proprio essere i matrimoni “via rete”.

Almeno a dar retta alle mail che presentano una serie di bellezze nordiche sotto l’invitante dicitura “The best selection of Russian brides”, ovvero “la miglior selezione di spose russe”. More, bionde, ovviamente tutte in pose procaci e ammiccanti, ce n’è per tutti i gusti. La galleria fotografica è accompagnata da messaggi come “Ciao caro, sono Marina dalla Russia, ti ricordi di me? Vieni alla mia pagina, parliamo, ti sto aspettando!”. Alla Polizia postale e delle telecomunicazioni monitorano il fenomeno e invitano alla massima prudenza prima di rispondere a queste singolari e inaspettate “proposte di matrimonio”.

”Bisogna fare molta attenzione alle offerte che giungono via email: vendita di materiale hi-fi, prodotti farmaceutici quasi sempre a sfondo sessuale, messaggi accattivanti e promettenti possono indurre il navigatore a rispondere alle mail, ad addentrarsi in siti non sicuri, fino a lasciare inconsapevolmente dati personali e password” fa sapere la Polizia delle Telecomunicazioni di Roma. A quel punto il malcapitato è esposto a un pericolo reale, che può avere dolorose ripercussioni sul conto in banca.

“Se ci si appropria di password personali o chiavi di accesso – avvertono gli addetti ai lavori – si ha la possibilità di effettuare acquisti per conto di altri, partecipare ad aste on line, aprire profili personali su internet spacciandosi per la vittima e appropriandosi della sua corrispondenza”. “Il cosiddetto ‘furto di identità’ è sempre in agguato. Ci sono messaggi che rinviano a caselle di posta elettronica che a loro volta invitano a cambiare password. Il problema – mette in guardia la Polizia Postale e delle Telecomunicazioni – è che a quel punto la nuova chiave di accesso è conosciuta anche dal mittente del messaggio. Quest’ultimo può utilizzarla per spacciarsi per l’altro utente e compiere operazioni per suo conto. Si crea così un pericoloso ‘doppio’ virtuale che può agire in nome della vittima”.

Quando ci si trova di fronte a mail inaspettate e sospette, poi, non bisogna mai dimenticare il rischio determinato dalla possibile diffusione di virus telematici. Quanto ai siti che promuovono incontri con ragazze di altri Paesi, è tutta da verificare l’effettiva corrispondenza, sotto il profilo estetico, delle bellezze che si propongono come possibili, future mogli. Ma il problema vero è che non si può mai escludere che si tratti piuttosto di canali di promozione della prostituzione on line.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.