IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, tentano di “sbancare” col trucco la slot machine di un bar: cinesi arrestati

Albenga. Due cittadini cinesi (J.C., 38 anni e X.L., 37 anni), regolari sul territorio nazionale, sono stati arrestati dai Carabinieri di Albenga per tentata rapina.

La vicenda di cui sono protagonisti appare alquanto strana e, per certi versi, ancora oscura: i due infatti, intorno alle 22 di ieri sera, si trovavano in un bar del centro storico ingauno e stavano giocando alla slot machine a disposizione dei clienti del locale. Per loro si profilava una serata fortunata, dal momento che accumulavano sorprendentemente vincite su vincite.

Un fatto che ha attirato l’attenzione del titolare del bar che ha dato l’allarme. Il sospetto è che la macchinetta fosse stata in qualche modo manomessa dai due, il che ha richiesto l’intervento dei tecnici per verificarne la funzionalità.

A quel punto, però, i due cinesi hanno impugnato una spranga per difendere la propria “gallina dalle uova d’oro” e per cercare di portarsela via.

L’intervento dei Carabinieri ha impedito che la situazione degenerasse. Solo qualche spintone tra i due e il titolare del locale che si è ritrovato con la giacca strappata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Ma il nostro caro (costoso) ministro incaricato di sviluppare regole di convivenza civile con i tanti popoli che amano trascorrere un po’ della loro vita da noi …..

    non potrebbe ottenere dai legittimi governi di questi immigrati regolari un accordo
    perche’ sia il loro consolato a rifondere i danni
    e far si’ che e gli indesiderati regolari vadano a scontare l’eventuale pena al loro paese?

    Magari presentiamo le nostre rimostranze ed anche il giudizio e la pena relativa a casa loro con le loro leggi, noi ci limitiamo ad identificarli per evitarne un rimpatrio.

    Funzionasse cosi’ anche i “regolari” e danarosi stranieri proprietari di appartamenti di cui non pagano le spese condominiali ….. li potremmo rispedire al loro paese velocemente.

    E il consolato salda il conti.

  2. Giudice
    Scritto da Giudice

    ….ora ci si mettono pure i cinesi…..