IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, Melgrati risponde a Bottelli: “La Resistenza è di tutti”

[thumb:12918:l]Alassio. Il sindaco di Alassio Marco Melgrati attacca Bottelli, presidente dell’Anpi di Alassio, per le dichiarazioni sul conte Edgardo Sogno.

“Come si permette l’avvocato Bottelli – afferma Melgrati – di dare dell’antidemocratico a Sogno, che mai nella sua vita ha messo in opera azioni tese a destabilizzare l’ordine democratico e costituzionale di questa Repubblica, come accertato dai giudici che lo hanno scagionato dalle accuse di Golpismo, dopo che il compagno Violante lo aveva ingiustamente accusato e fatto rinchiudere in carcere a Regina Coeli. Proprio il compagno Violante che con questi scoop ha costruito la sua carriera politica nel Pci, e non mi risulta che abbia mai chiesto scusa per il suo clamoroso errore”.

“E se è vero che ha partecipato alla guerra civile in Spagna – prosegue Melgrati – lo ha fatto in nome di quell’anticomunismo che sentiva dentro, così come è stato profondamente antifascista; e proprio per impedire l’affermarsi di un regime antidemocratico che combatté in Spagna, come molti altri volontari italiani non fascisti, contro una Repubblica Popolare Spagnola che voleva riproporre il modello totalitario sovietico nella penisola iberica, uccidendo il clero a sangue freddo, per esempio”.

“Ma d’altronde il compagno Bottelli fa parte di un partito politico che ha costruito una ‘sua’ storia dell’Italia ad uso e consumo della sinistra italiana – sottolinea il primo cittadino di Alassio – insinuando, come da insegnamenti di Marx e Lenin i professori nel tessuto delle scuole, dalle primarie all’università. Si vada invece a leggere la storia, quella vera, magari raccontata da un altro compagno, il giornalista Giampaolo Pansa, che con coraggio ha raccontato nei suoi libri, in particolare ne ‘il Sangue dei Vinti’, episodi agghiaccianti che hanno avuto come protagonisti esponenti dei partigiani ‘rossi’, anche ad Alassio”.

“La Resistenza non è solo patrimonio del Partito Comunista – conclude Melgrati -, è di tutti, dei monarchici liberali come Edgardo Sogno, eroe della resistenza, dei militari dopo l’8 settembre, dei democristiani, dei socialisti, delle formazioni cristiane, dei repubblicani e di tutti quelli che hanno contribuito, insieme agli americani e ai loro alleati, con un tributo di sangue enorme, a far sì che noi oggi possiamo essere liberi in un paese democratico, e che un sindaco e una Giunta possa onorare un eroe di quella Resistenza, Medaglia d’oro al valor militare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Ragazzi del Manfrei
    Scritto da Ragazzi del Manfrei

    A proposito di ciò che accadde ad Alassio senza che nessuno ancor oggi, a distanza di sessantacinque anni, voglia ricordare:
    http://www.youtube.com/watch?v=x-U7RuqJerU

  2. Ragazzi del Manfrei
    Scritto da Ragazzi del Manfrei

    L’Anpi dovrebbe iniziare ad aprirsi di più. La nostra associazione cerca di portare alla conoscenza di tutti storie di cui l’anpi non tratta eppure siamo sempre stati aperti al dialogo. Lanciamo una provocazione che sappiamo rimmarrà inascoltata: perché l’anpi non ammette le colpe dei partigiani riguardanti la morte di Giuseppina Ghersi senza accusarla di collaborazionismo coi nazifascisti?
    Anche tra i partigiani vi fu chi commise errori e abominii, chi prentende colorare la storia con tinte uniche fa propaganda.

  3. LEONIDA
    Scritto da spartacus

    SINISTRI

    bravo melgrati hai detto tutto
    quello che si meritano…….

    è quasi ora che la storia
    venga insegnata sui testi del montanelli