IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, depuratore: il Pd attacca il Comune

Alassio. L’annosa vicenda del depuratore è stata al centro di una conferenza stampa organizzata dal Partito Democratico che si è svolta questa mattina ad Alassio. Il Pd ha voluto fare il punto su un progetto importante per tutto il comprensorio ingauno e chiede al Comune alassino risposte certe sulla strada che vuole intraprendere: un proprio impianto comunale, per il quale bisogna ancora trovare le risorse, oppure collegarsi a quello comprensoriale previsto a Villanova d’Albenga, finanziato dalla Regione Liguria con 12 mln di euro.
Intanto la società che ha vinto l’appalto per il depuratore alassino, la Severn Trent, è pronta a far causa al Comune in caso non partano i lavori nei tempi previsti.

“C’è il concreto rischio di incorrere in sazioni dell’Unione Europea in caso non si raggiungono gli obiettivi di depurazione delle acque entro il 2015 – sottolinea Franco Bigliolo, Coordinatore del Circolo Pd di Alassio -. Quindi serve un progetto chiaro e discusso con la cittadinanza. Quello del depuratore è una questione che investe anche la nostra accoglienza turistica, quindi ora è il momento delle scelte”.

“E’ un’area senza depurazione e il progetto del depuratore consortile è la soluzione migliore per risolvere una forte criticità presente nel territorio alassino – afferma l’assessore regionale Carlo Ruggeri -. Dalla Provincia non sono in grado di risolvere la questione e ora Alassio deve affrontare il contenzioso con il soggetto privato. Mi auguro che ciò avvenga e che l’amministrazione decida di unirsi all’impianto di Villanova”.

Sulla possibilità, invece, che i comuni del ponente si colleghino con il depuratore di Borghetto, ipotesi ancora meno costosa rispetto all’impianto villanovese, così risponde Ruggeri: “Bisogna affrontare il problema con progetti e ragionamenti seri, il Savonese funziona, il medio ponente con Borghetto anche, mentre l’estremo ponente dovrà funzionare con l’impianto villanovese. Questa è la mappatura per la depurazione delle acque nella Provincia di Savona. Il resto sono solo chiacchere e volontà di coprire le responsabilità altrui” conclude Ruggeri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.