IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vado, “Dialogo: 21+1”: l’arte contemporanea sbarca a Villa Groppallo

[thumb:3200:l]Vado L. L’arte contemporanea sbarca a Vado. Il Museo di Villa Groppallo infatti prepara un nuovo progetto: la presentazione di una mostra di artisti di fama internazionale dal titolo “Dialogo: 21+1”, con la quale avvia uno scambio tra arte contemporanea e nuovi mezzi dicomunicazione. La mostra è organizzata con il patrocinio del Comune di Vado Ligure ed è curata da Donatella Ventura, presidente della Cooperativa Culturale A.R.C.A., che gestisce il polo multiculturale di Villa Groppallo, e dall’artista Bruno Cassaglia.

Entrambi promettono di dare ampia visibilità alle opere e di suscitare grande curiosità nei visitatori. L’inaugurazione si terrà sabato 5 dicembre alle ore 16,30 presso Villa Groppallo e la mostra resterà aperta al pubblico fino a domenica 13 dicembre in orario museale (mercoledì 9-12 e dal giovedì alla domenica 16-19). “Dialogo: 21 + 1” terrà a battesimo “SPACES”, concetto astratto di spazi espositivi dedicati all’arte contemporanea, non uno spazio fisico determinato, poiché Spaces si servirà di zone espositive sempre nuove e diverse, sarà aperto a “spazi” reali e virtuali.

L’originale titolo della mostra vuole sottolineare il numero di artisti in esposizione: 21, tutti di fama internazionale, le cui opere sono gentilmente concesse dal Circolo Culturale “Il Gabbiano” de La Spezia. Gli artisti in mostra saranno: Fernando Andolcetti, Brian Bagnall, Sergio Borrini, Bruno Cassaglia, Christo & Jeanne-Claude, Cosimo Cimino, Mario Commone, Niki De Sainte Phalle, Elisabetta Gut, Jiri Kolar, Urs Luthi, Ruggero Maggi, Eugenio Piccini, Nadia Nava, Giuseppe Pellegrino, Michelangelo Pistoletto, Gian Paolo Roffi, Takako Saito, Ben Shann, Giovanna Torresin, Ben Vautier. Il “+1” è rappresentato da Maurizio Follin, artista multimediale e pittore digitale, molto conosciuto nel mondo della mail art, che sarà presente con un’opera a distanza, un’installazione virtuale. Follin interverrà in simultanea durante l’inaugurazione con uno spazio di net art che sarà visibile anche su internet sul blog: westeastartedinterazione.blogspot.com.

Questa soluzione è stata adottata dagli organizzatori per “svecchiare” il concetto di mostra e ottenere una maggiore fluidità di contenuti e di spazi. Spaces vuole avvicinare gli artisti già famosi, ma anche offrire occasioni ai giovani e ai giovanissimi che stanno entrando nel mondo dell’arte. Come afferma lo stesso Bruno Cassaglia, direttore artistico di Spaces: “L’arte contemporanea di oggi non è composta solo da pochi artisti celeberrimi, ma anche da maestri giovani e meno giovani che lavorano intensamente, raggiungono ottimi risultati, talvolta si muovono con disinvoltura sulla rete internet per far conoscere e divulgare rapidamente la propria opera”.

Dopo questa prima edizione presso la sede del Museo di Villa Groppallo, luogo congeniale per la sua natura di Museo di arte contemporanea, Spaces darà seguito all’iniziativa attraverso nuovi ed inediti spazi, per portare l’arte contemporanea anche nelle zone periferiche della città e per far conoscere nuovi artisti e nuove poetiche.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.