IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Uil Liguria: al via il quarto congresso regionale

[thumb:4258:l]Regione. La Uil di Genova e della Liguria celebra, oggi e domani, il suo quarto congresso regionale. I temi all’ordine del giorno sono: sicurezza, lotta all’esclusione sociale, al precariato, all’evasione fiscale, potenziamento dello stato sociale, rilancio dell’economia ed energia. In particolare si evidenzia la necessità di avviare una rete di comunicazione e di conoscenza rivolta ai temi della sicurezza nei luoghi di lavoro e al precariato, quindi alla presa di coscienza dei propri diritti.

Questa mattina si è tenuto il seminario dedicato ai 60 anni della Uil: “Uil, 60 anni di passione civile”, al quale hanno partecipato i segretari generali che hanno fatto la storia della Uil: Raffaele Vanni, Giorgio Benvenuto, e Luigi Angeletti. Nel corso della mattinata è stata scoperta l’opera dell’artista Roberto Gaiezza che la Uil dedica a tutti gli esclusi. Anche il senatore Raimondo Ricci dell’Anpi nazionale ha portato il suo contributo all’assemblea della Uil. Inoltre, nell’ambito dell’iniziativa dell’Archivio di Stato: “Adotta un documento” è stata restaurata, grazie all’intervento dell’unione regionale Uil, una pergamena del 1352 che rappresenta un atto di mediazione tra cittadini. Le due opere sono state presentante quest’oggi a tutti gli iscritti. Con il saluto degli ospiti e la relazione di Pierangelo Massa, Segretario Generale uscente, si è aperto nel pomeriggio il quarto congresso regionale della Uil di Genova e della Liguria.

Il lavoro, secondo la Uil, è lo strumento attraverso il quale si rompe l’isolamento sociale delle persone. “Tuttavia, in questo momento di crisi generale, il lavoro diventa sempre più un’entità astratta e occasionale – spiega Pierangelo Massa, segretario generale uscente della Uil di Genova e della Liguria – Si è verificata un’evoluzione sfrenata della flessibilità che ha degradato il sistema rendendolo insostenibile. Con questi lavoratori abbiamo l’obbligo morale di dar vita a una rete in grado di avvicinare e includere il maggior numero di precari”.

Ed è proprio su questo terreno che la parola lotta può avere un senso perchè rappresenta un preciso impegno di tutela verso le lavoratrici e i lavoratori coinvolti: nessuno escluso. “Mi riferisco a una lotta di merito e non certo a una lotta ideologica – spiega Massa – Una lotta che porti al risultato dell’accordo e non alla logica del “tanto meglio, tanto peggio”.

All’esclusione sociale la Uil si oppone con la forza delle proprie idee e rilancia un sistema basato sulla solidarietà, sulle regole e sull’etica del rispetto della persona. Ecco perché anche la sicurezza diventa un elemento indispensabile sui luoghi di lavoro. “Gli incidenti sul lavoro si registrano ogni giorno in maniera sempre più preoccupante – dichiara Pierangelo Massa – E’ ormai chiaro che, accanto a leggi adeguate e a controlli reali, sia necessario promuovere in maniera capillare una cultura della sicurezza che renda i lavoratori consapevoli dei diritti e dei doveri in questo settore. Ecco quindi che la Uil di Genova e della Liguria propone, nell’ambito della realizzazione della scuola delle attività portuali, l’inserimento di una specifica componente dedicata alla sicurezza”.

Il Porto di Genova, per dimensioni e caratteristiche commerciali e industriali, racchiude l’insieme di tutte le attività portuali. Avviare sul nostro territorio la scuola della sicurezza può rappresentare un punto di eccellenza per tutto il sistema portuale italiano. “La Uil ligure immagina una scuola itinerante, una struttura istituzionale e partecipata messa a disposizione di tutta la portualità del Mediterraneo – spiega Massa – Sarebbe un investimento importante, da intraprendere nell’ottica del lavoro e dell’occupazione di qualità. Ma il tema della sicurezza si deve estendere a tutti i settori, poiché è necessario che non rimanga un argomento sullo sfondo dei dibattiti tra enti, istituzioni e comparti industriali”.

Per la Uil è fondamentale che ogni lavoratore, soprattutto precario, abbia un incontro propedeutico con le Rls (rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza) prima di entrare in servizio. “Dal 2007 al 2009 gli incidenti mortali sul lavoro in Liguria sono stati ben 63 (12 dei quali ancora da accertare). A seguito di questi fatti sono scaturiti i nostri seminari sulla sicurezza ed maturata l’idea di organizzare un momento di condivisione e socialità insieme alle nostre categorie, Rls, Rsu e al nostro servizio di patronato – annuncia Massa – Abbiamo deciso di organizzare varie iniziative seminariali di piazza con la partecipazione della gente, affinché la sicurezza divenga cultura e patrimonio di tutti”.

Il congresso regionale si concluderà nella giornata di domani 18 dicembre. Alle ore 9,30 si svolgerà il dibattito dell’assemblea regionale. Alle 16 il segretario nazionale Carmelo Barbagallo terrà il suo discorso conclusivo, mentre alle 17 si svolgerà l’elezione del nuovo segretario generale della Uil di Genova e della Liguria e la nomina degli organismi statutari.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.