IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, svelati i segreti di “Savona Futurista”: in mostra pezzi inediti foto

[thumb:15569:l]Savona. La mostra “Savona Futurista”, che aprirà ufficialmente al pubblico domani, è stata presentata questa mattina dall’assessore alla cultura del Comune di Savona Ferdinando Molteni insieme ai curatori dell’evento, Franco Sborgi e Leo Lecci. La mostra è stata ideata come ricostruzione di ciò che realmente è stato il Futurismo a Savona, avvalendosi di una quantità e di una validità di strumenti critici mai avute prima.

L’evento, promosso dall’assessorato alla Cultura del Comune di Savona, con il sostegno della Regione, della Fondazione De Mari, del Comitato per le celebrazioni Futuriste, è realizzato a cura della cattedra di storia dell’arte contemporanea dell’Università di Genova e dall’Archivio d’arte contemporanea dell’Università sotto l’organizzazione della Fondazione De Ferrari di Genova.[image:15571:r]

“Questa mostra sul Futurismo savonese chiude un anno di celebrazioni molto intenso che abbiamo realizzato a Savona grazie anche al contributo di molte associazioni di molti studiosi – spiega l’assessore alla cultura Ferdinando Molteni -. Questa mostra ha un valore assoluto dal nostro punto di vista, è una ricognizione sul Futurismo a Savona e nelle Albissole. Abbiamo pezzi straordinaria di Farfa, Fillia e Caldanzano e abbiamo anche delle cose preziose come il casco d’acciaio usato da Marinetti per ‘infrontare’ Farfa. Insomma ci sono esposte delle opere e degli oggetti curiosi e dal valore straordinario. Un grande lavoro che chiude un anno intenso e che credo che lascierà molti a bocca aperta perché molte di queste opere non sono mai state viste”.

“Siamo contentissimi di essere arrivati a questo punto. Nonostante i numerosi studi che sono stati portati avanti in questi anni c’è ancora tanto materiale inedito sul Futurismo. Questa mostra ne è la dimostrazione visto che ‘contiene’ tanti pezzi e documenti inediti che raccontano episodi finora sconosciuti. I centenari del Futurismo sono le occasioni migliori per far emergere tutte queste cose, ma mi auguro che si pensi di istituire un centro di documentazione ad hoc per fare in modo che non si perda nulla” ha aggiunto Leo Lecci.

Il percorso espositivo allestito nelle sale del Palazzo del Commissario presso la Fortezza del Priamar metterà in luce la specificità del Futurismo a Savona, evidenziando le fasi del suo sviluppo. La prima, dalle origini alla fine degli anni ’20 del Novecento, è caratterizzata da un progressivo sviluppo di fatti artistici rilevanti; la seconda, che si estende sino agli anni `40, esprime la vera natura dell’avanguardia.

Saranno esposte riproduzioni di documenti e foto, opere d’arte visiva e letteraria del primo periodo futurista nazionale, testimonianze dell’arte di inizio secolo a Savona (divisionismo e simbolismo); opere del primo Futurismo (rapporti con il teatro e le politica, Tullio e la ceramica, Farfa a Savona) sino a giungere alla stretta connessione tra Arte futurista e industria (litolatte, ceramica e architettura di Albisola, vetro di Altare) e ai rapporti fra Musica, Teatro e Poesia.

Tutto quanto esposto cercherà di restituire la totalità dell’espressione artistica futurista: le opere di grafica, pittura, letteratura e scultura saranno integrate tra di esse e affiancate ad altre opere che possano testimoniare il rapporto estetico con le coeve realtà d’avanguardia e non (come ad esempio dal Dada alla grafica pubblicitaria commerciale).

La mostra, che sarà inaugurata domani alle 12, resterà aperta al pubblico fino al 14 febbraio 2010. L’ingresso è libero e l’orario di apertura sarà: sabato-domenica-lunedì dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 17,30; mercoledì-giovedì-venerdì dalle 14,30 alle 17,30 (martedì chiuso).

[image:15570:c]

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.