IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, lavoro: piano straordinario da 575 assunzioni

[thumb:1367:l]Regione. Sono positivi i primi risultati del bando lanciato il 16 dicembre scorso per le nuove assunzioni a tempo indeterminato compreso nel piano straordinario per il lavoro della Regione Liguria a sostegno dell’occupazione. Le richieste di posti di lavoro presentate dalle aziende sono state 575 in pochi giorni.

“575 persone che vengono assunte o stabilizzate, mi pare una risposta significativa in un momento in cui il problema del lavoro è quello più rilevante”, ha commentato il presidente Claudio Burlando presentando i dati dell’Agenzia Liguria Lavoro.

Il piano straordinario poggia su un investimento complessivo di 122 milioni di euro, derivanti da fondi regionali, statali e europei, che serviranno a erogare incentivi alle aziende per l’assunzione di lavoratori disoccupati e intervenire con la cassa integrazione in deroga per quelle aziende che ne sono prive.

“L’obiettivo di questo piano varato dalla Regione Liguria – ha ribadito il presidente Burlando -, che sta registrando, più di altri, grandi attenzioni da parte delle imprese, è quello di fornire una protezione sociale a chi non l’ha, costruendo un welfare regionale per tappare i buchi dell’welfare nazionale e fornendo risposte sia ai lavoratori a tempo determinato, sia a quelli a tempo indeterminato e a tutti i settori produttivi, rilanciando l’occupazione. Almeno il 20% del totale degli interventi è riservato alle persone con più di 45 anni di età e il 50% alle donne che potrebbero risentire maggiormente gli effetti della crisi”.

Destinatari degli accordi i lavoratori subordinati a tempo indeterminato ammessi ai trattamenti di cassa integrazione senza possibilità di rientro in azienda, lavoratori licenziati in mobilità indennizzata, lavoratori disoccupati, compresi quelli in mobilità non indennizzata che abbiano avuto un rapporto di lavoro (determinato, indeterminato, precario) per almeno 2 anni nell’ultimo triennio. Questi soggetti a possono presentarsi presso pressi i centri per l’impiego per poter accedere alle misure previste dalla Regione.

“Per favorire l’assunzione a tempo pieno – ha concluso il presidente Burlando – abbiamo previsto un contributo regionale alle aziende tra i 5 mila e i 12 mila euro per ogni assunto, che potrà aumentare in caso di accordo sindacale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.