IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piaggio, cig causata da rallentamento momentaneo delle attività

[thumb:3959:l]Finale Ligure. Questa mattina è stato raggiunto l’accordo tra le rappresentanze sindacali e l’azienda Piaggio, per far fronte ad un momentaneo rallentamento delle attività produttive dell’aereo P180 e del programma di sviluppo di un nuovo velivolo, attraverso riduzione dell’orario di lavoro, con ricorso allo smaltimento di ferie arretrate e cassa integrazione ordinaria.

Sono i delegati Fiom-Cgil della Piaggio Aero di Finale Ligure a precisare quanto ottenuto dall’incontro, sottolineando come nello stabilimento di Finale saranno coinvolti fino a 353 lavoratori (140 a zero ore, 24 al 50% del loro orario e 189 per un giorno alla settimana).

Poiché si tratta di un rallentamento momentaneo delle attività e non di crisi strutturale e l’azienda intende riprendere le capacità produttive massime al termine di queste 13 settimane, devono continuare le attività legate allo sviluppo tecnologico dell’azienda, che oltre ad investimenti in macchinari e sistemi informativi riguardano aggiornamenti professionali del personale.

Per questo motivo durante il periodo di cassa integrazione, è stato concordato con l’azienda che il personale sarà coinvolto in un primo programma di formazione (circa 200 ore pro capite) che permetterà di aumentare le loro conoscenze e raggiungere, il 90% del loro stipendio e la maturazione degli istituti contrattuali (ferie, tredicesima, eccetera).

Lo sblocco della trattativa e questo risultato – aggiungono i delegati Fiom-Cgil – sono stati raggiunti anche grazie all’intervento della Regione che sosterrà economicamente, per i prossimi due anni, progetti di formazione del personale come previsto dall’accordo di programma.

Come conseguenza della ripresa delle piene potenzialità, a medio termine, potrebbero riversarsi sul territorio ligure le ore produttive e di progettazione che attualmente sono state richiamate all’interno da diverse regioni italiane e dalla Romania.

Alla fine del periodo di cassa integrazione, che inizierà il 4 gennaio e che si concluderà per il personale in produzione il 12 marzo e per tutti gli altri il 2 aprile, i lavoratori coinvolti in questa prima tornata di formazione avranno acquisito professionalità su macchine a CN, disegnazione CATIA V, lattoneria, lean production.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.