IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Domani Don Luciano Massaferro dal giudice; su FB spunta un gruppo contro foto

[thumb:15883:l]Savona. Come previsto, Don Luciano Massaferro, il parroco 44enne arrestato ieri per la pesante accusa di violenza sessuale nei confronti di una bambina di dodici anni, sarà sentito domani mattina dal giudice del Tribunale di Savona Emilio Fois per l’interrogatorio di garanzia. Il sacerdote, assistito dall’avvocato Alessandro Chirivì, avrà quindi la possibilità di rispondere alle accuse e chiarire la sua posizione.

Come già anticipato ieri da Ivg.it, Don Luciano è pronto a rispondere ad ogni domanda e a fornire chiarimenti su ogni aspetto della vicenda. Domani inoltre il legale, che in queste ultime ore ha esaminato nei dettagli l’ordinanza di custodia cautelare e le carte per avere una idea più precisa dell’imputazione del suo assistito, è pronto a presentare l’istanza di scarcerazione con revisione delle misure cautelari disposte nei confronti di “Don Lu”.

Intanto sul noto social network Facebook, dopo i messaggi di solidarietà e sostegno, è nato anche un gruppo, “Basta Preti Pedofili E Porci”, che, prendendo le mosse proprio dall’episodio di Don Luciano, attacca i sacerdoti pedofili. All’interno della pagina del social network, che per ora conta quattro iscritti, è raccontata la vicenda del parroco alassino e sono pubblicati i suoi contatti, le sue foto e la sua biografia (dati che sono comunque tutti reperibili sul sito web della parrocchia di San Vincenzo).[image:15895:r]

“Questo è Un gruppo contro chi abusa della propria autorità per fare ciò che vuole e farlo contro i bambini indifesi. L’ultimo caso di un prete, Don Luciano Massaferro, 44 anni, parroco di ‘San Giovanni Battista’ e di ‘San Vincenzo’ di Alassio (…)”. Insomma, in attesa che la giustizia faccia il suo corso, l’opinione pubblica si divide, anche in rete, tra chi difende “Don Lu”, e si dice convinto che un accusa di questo tipo nei suoi confronti non possa reggere, e chi si augura che sia condannato per il suo crimine.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.