IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Omicidio Siri, chiesti l’ergastolo per Costa e Quku

[thumb:5358:l]Savona. E’ stato aggiornato al 14 gennaio del 2010 il processo per l’omicidio dell’artigiano edile di Cengio Roberto Siri, avvenuto il 2 febbraio 2008 davanti all’ospedale di Cairo Montenotte. Nel corso dell’udienza di questa mattina presso la Corte di Assise del Tribunale di Savona il pm Ubaldo Pelosi, nella sua requisitoria, ha chiesto l’ergastolo per il 22enne cairese Samuel Costa e per l’albanese 19enne Arjan Quku, ancora latitante. La Procura ha chiesto inoltre 22 anni per l’altro albanese Orges Goxhaj e 16 anni di reclusione per Ervin Zela, 28enne residente a Bormida. L’accusa è di omicidio volontario aggravato da futili motivi e dalla crudeltà.

Quella di questa mattina è stata un’udienza davvero lunga, terminata solo alle 16 e 30 di oggi pomeriggio. Dopo la requisitoria del pm si sono svolte le arrignhe degli avvocati di parte civile e dell’avvocato difensore di Ervin Zela. In attesa delle arringhe difensive dei legali di Costa e Goxhaj il presidente del Tribunale Gianni Zerilli ha optato per un rinvio del processo, fissando una nuova udienza a metà gennaio. La sentenza del processo, ormai al rush finale, potrebbe arrivare tra febbraio-marzo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da freeholly9

    (dalla legge ovviamente,no alla violenza in web)

  2. Scritto da freeholly9

    speriamo che glieli diano con gli interessi e che non finisca come l’ennesimo caso in cui il colpevole dopo un anno è fuori,e speriamo che l’albanese latitante venga preso presto,a bastonate.