IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lettere al direttore

Neve a Savona: considerazioni di un lettore

Più informazioni su

“Non era prevedibile una nevicata così”. Questa è una delle tante affermazioni che ho potuto sentire in giro da parte di tanta gente. Beh, forse sarà anche vero, ma allora mi pongo alcune domande, auspicando che qualcuno possa rendermi edotto. Ieri sera le arterie di Via Stalingrado, Vittime di Brescia, Aldo Moro e vie circostanti erano decisamente paralizzate. 1 ora e 25 minuti per compiere meno di 1700 metri. Beh, non tutti hanno la vettura gommata da antineve ma alla faccia di essere cauti e prudenti.

Capisco chi è stato obbligato ad utilizzare la macchina per chi, come me, doveva spostarsi per lavoro ma, credetemi, ho potuto osservare tante persone e anche di una certa età che forse hanno scelto di avventurarsi nella tormenta per non venire meno all’appuntamento nei vari centri commerciali (vari?) che è una unica meta del passatempo per la maggior parte delle persone. Capisco che non si possa sempre stare in casa, ma è proprio necessario mettere in pregiudicato la propria sicurezza e quella degli altri solo per “fare due passi” sfidando la noia della solitudine? Per carità: ognuno è libero di fare ciò che vuole però un minimo di razionalità non guasterebbe.

Strade innevate e ho potuto contare i mezzi per fronteggiare la nevicata sulle dita di una mano monca. Questa mattina, verso le 6.00, stesso scenario surreale anche se la circolazione era quasi inesistente. Via Romagnoli e Nazioni Unite si percorrevano sfidando una lastra di ghiaccio. Ancor più da riflettere se si pensa che alla fine di Via Romagnoli insistono il Comando dei Vigili e quello della Protezione Civile. In questi casi la neve era più alta che dalle altre parti. Ma forse è solo perchè hanno dato priorità ad altre vie maggiormente nevralgiche.

Infine. Tutti i giorni siamo bombardati sui vari canali o siti dal meteo e comunicati in tempo reale. Ma nessuno aveva previsto quanto si è poi verificato a Savona e Valbormida? Gli Enti preposti, vedi Arpal, con tanto di tecnici e addetti con belle scritte sui giubbotti e macchine non potevano, se ne erano a conoscenza, avvisare maggiormente la popolazione? Non viene messo in dubbio la loro capacità (forse) ma tutti siamo capaci, avendone conoscenza e strumenti, a dire che il maltempo colpirà il nostro territorio ecc. Ma sempre con i ma, forse e tanti condizionali.

Non era prevedibile? Io sono sempre stato ostico ai notiziari sul tempo. Preferisco affacciarmi dalla finestra, scrutare il cielo e vedere come “butta”. Ora, con la speranza che questo “evento” non si ripeta speriamo solo che nei Comuni dell’entroterra quest’anno abbiano fatto delle previsioni più veritiere. Sarebbe aberrante esaurire nuovamente le scorte di sale o, peggio, non aver inserito a bilancio i fondi per l’approvvigionamento dello stesso. Vedremo. Comunque sia una cosa è certa: Savona non è abituata alla neve, come tanti cittadini e forse non siamo nemmeno capaci di rendere le nostre strade percorribili in sicurezza, sia per i conducenti sia per i pedoni.

Marco Pozzi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bandito
    Scritto da Bandito

    Bastava andare sul sito autofiori, il servizio meteo ad esso collegato dava il 95% di probabilità di neve, quindi direi che era stato previsto.