IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Liguria, Sinistra Ecologica e Libertà si prepara per le Regionali

[thumb:14688:l]Liguria. Sinistra Ecologica e Libertà apre ufficialmente le danze nella corsa verso le elezioni regionali 2010. Con l’assemblea pubblica “Genova, Liguria: Idee per il futuro” (promossa dal gruppo consiliare del comune di Genova), si apre infatti il “cantiere” per il programma di Sel. L’assemblea si terrà questo pomeriggio, alle ore 17, nel Salone di Rappresentanza di Tursi e vedrà la partecipazione di Marco Fumagalli (già parlamentare Ds) e di Roberto Musacchio (parlamentare europeo del GUE nella precedente legislatura).

Oltre alle presenze nazionali, parteciperanno i rappresentanti di Sel in Comune, Provincia e Regione, delegazioni di tutto il territorio ligure ed esponenti del mondo della società civile. L’incontro sarà il primo di un articolato ciclo, che vedrà Sinistra Ecologica e Libertà impegnata in una consultazione con il popolo della sinistra attraverso assemblee pubbliche in tutta la Liguria ed incontri con le realtà della società civile. Il partito convocherà infine la propria Conferenza programmatica a gennaio e definirà le sue priorità per la Liguria. E’ questo il programma definito nella prima riunione del Coordinamento Regionale.

L’insediamento del Coordinamento è stata anche l’occasione per fare il punto sullo stato dell’arte verso le regionali. Simone Leoncini e Stefano Quaranta, a nome di tutto il Coordinamento, hanno confermato che la lista di Sel sarà presente alla competizione regionale: “Sinistra e libertà sarà la vera novità a sinistra, rappresenterà i tanti che sono stanchi di una politica ammuffita, sempre uguale a sé stessa. Sarà la casa di chi è stato colpito della crisi, i giovani in primo luogo, e di chi è stanco delle chiacchiere”.

“Nonostante la nostra generosità e la nostra totale disponibilità a lavorare per l’unità, la strada è ancora tutta in salita. Non c’è nessun luogo dove parlare di programmi. Abbiamo proposto una discussione su come uscire dalla crisi e creare lavoro, a partire da due proposte, reddito sociale e piano per l’energia rinnovabile, ma non abbiamo trovato nessun ascolto. La verità è che il Pd continua a rincorrere il centro moderato, così non è facile ricostruire una coalizione. Serve vera discontinuità e più attenzione su lavoro e tutela del territorio” hanno concluso Simone Leoncini e Stefano Quaranta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.