IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Liguria, droga nelle carceri: Sappe propone di introdurre unità cinofile foto

[thumb:15860:l]Liguria. Oltre il 39% dei detenuti in Liguria è tossicodipendente. Quella ligure è la percentuale più alta in Italia dove la media nazionale si attesta intorno al 25% circa. Pertanto, se per un verso è opportuno agire sul piano del recupero sociale, è altrettanto necessario disporre di adeguate risorse per far fronte alla possibilità che all’interno del carcere entri la droga.

“Alcuni recenti fatti di cronaca hanno dimostrato che è sempre più frequente il tentativo, anche da parte dei detenuti appena arrestati, di introdurre sostanze stupefacenti all’interno degli istituti penitenziari. Spesso la professionalità della Polizia Penitenziaria consente di individuare i responsabili e di denunciarli all’autorità giudiziaria, ma ciò non è sufficiente. Per questo auspichiamo si provveda ad istituire anche in Liguria, in analogia a quanto già avviene in altre Regioni, un distaccamento di unità cinofile del Corpo di Polizia Penitenziaria” spiega Roberto Martinelli, segretario generale aggiunto e commissario straordinario per la Liguria del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria.

Martinelli ha anche preannunciato che una richiesta in tale senso sarà formalizzata nelle prossime ore al Provveditorato ligure dell’Amministrazione Penitenziaria ed alla sede centrale del DAP. “Gli ultimi dati disponibili in nostro possesso (riferiti al 30 giugno scorso) evidenziano l’alto numero di tossicodipendenti tra i reclusi liguri: ben 300 a Marassi (su 715 presenti), 100 a Sanremo, 55 a La Spezia, 44 a Pontedecimo, 42 a Chiavari, 40 a Imperia e 37 a Savona” aggiunge il segretario generale del Sappe.

“I numeri di quanti sono in trattamento metadonico sono abbastanza contenuti: 59 a Marassi, 19 a Sanremo, 9 a La Spezia, 10 a Pontedecimo, 8 a Chiavari, 5 a Imperia e 3 a Savona. Vi è chi (detenuti appena arrestati o amici e familiari ammessi a colloquio) tenta di introdurre sostanze stupefacenti all’interno degli istituti penitenziari, ma grazie alla professionalità della Polizia Penitenziaria ciò viene impedito. Noi riteniamo si possa e si debba fare un ulteriore sforzo per contrastare con forza queste possibilità” spiega Martinelli.

“Il nostro Contratto di Lavoro del 1995 prevede, tra le specializzazioni del Corpo di Polizia Penitenziaria, i conduttori di unità cinofili; tale servizio è già stato attivato in sette regioni d’Italia, da ultimo in Emilia Romagna proprio in questi giorni, per cui chiederemo al Provveditore della Liguria di attivarsi presso il Dipartimento centrale penitenziario al fine di avviare l’iter per l’istituzione di un distaccamento di unità cinofile del Corpo anche nella nostra Regione” conclude l’esponente del Sappe.

[image:15859:c]

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.