IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lettere al direttore

Coordinamento Pdl alassino: lettera a Silvio Berlusconi

Più informazioni su

Carissimo Presidente Silvio Berlusconi, quale migliore occasione delle Festività Natalizie per porgerLe i Migliori Auguri di un pronto ristabilimento e possa riacquistare un pò di serenità, dopo il drammatico avvenimento di Piazza Duomo a Milano (anch’io sono milanese e conosco bene quella piazza tanto cara ai milanesi per la “madunina”).

Ho ascoltato e seguito con molta attenzione le parole da Lei dette sul palco della manifestazione che ha avuto un così ripugnante epilogo, e devo dire che erano musica per le mie orecchie. Lei ha parlato di un partito di larga base popolare, di un partito non verticistico, dove le decisioni vengono prese collegialmente, di un partito che è aperto a tutti coloro che credono nel supremo valore della Libertà.

Ora, dopo aver letto i quotidiani che trattano gli avvenimenti della provincia di Savona, ove io risiedo, ad Alassio, ho potuto leggere tra le altre notizie della nomina di tutti i nuovi referenti cittadini del Pdl in prospettiva della campagna elettorale, che è al nastro di partenza, per la conquista della Regione Liguria. Sono sobbalzato sulla sedia quando ho letto il lungo elenco in cui compare il nome della gentile avv. Emanuela Preve, confermata coordinatrice del Pdl alassino.

Mi interrogo e chiedo a Lei in primis ed in subordine alla neo responsabile (da un paio di mesi circa) del coordinamento del Pdl per la provincia di Savona, dott. Roberta Gasco: quali sono i criteri adottati per le nomine ed in particolare le valenze che hanno portato ufficialmente e non “provvisoriamente” (come era sino ad ora) al vertice del Pdl di Alassio l’avv. Emanuela Preve?

Dico ciò perché già in occasione della campagna elettorale della scorsa primavera per le elezioni provinciali del Savonese, mi ero peritato di segnalare un attacco gratuito che l’ha riguardata in prima persona, illustre Presidente Silvio Berlusconi. Ovvero la lettera che l’avv. Emanuela Preve, in qualità di terza firmataria dell’iniziativa (precedendo il padre, stimato professionista locale) si era preoccupata di inviare all’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

In questa lettera si chiedeva in buona sostanza che Lei caro Presidente Berlusconi fosse fermato in qualsiasi maniera nella Sua azione politica come leader dell’allora splendida, snella e coriacea (peraltro mi permetto aggiungere come Lei, il fondatore) struttura di partito, che rispondeva al nome di Forza Italia.

Carissimo Presidente, ho avuto il privilegio di essere difensore del Voto per il Pdl in occasione delle vittoriose elezioni politiche del 2008 ed ho sempre operato per quel che mi è stato concesso, per la crescita del Pdl locale e non solo, tutto sempre senza fini personali, senza mai chiedere favori, dando una mano quando era necessario, senza farmelo chiedere due volte.

Ho potuto incontrarLa durante il rinfresco al Terminal Crociere di Savona seguito alla vittoriosa competizione politica; ho ascoltato le Sue parole costruttive di allora; ho apprezzato i Suoi sforzi per affrontare questa gravissima crisi globale che attanaglia pure il nostro Paese ed il tentativo di condurlo fuori dalle acque tempestose del momento contingente. Ma ancor più ho visto gli eccellenti risultati in occasione del gravissimo terremoto che ha colpito L’Aquila e per la prima volta una reazione pronta, determinata ed incisiva per ridare un pò di serenità a quelle popolazioni travolte dalla catastrofe di una notte.

Mai nei miei ricordi si sono raggiunti tali encomiabili risultati in circostanze simili, anzi spesso si è consumata una tragedia nella tragedia (basti pensare all’Irpinia ed a coloro che ancora vivono nei container), con l’oblio di queste popolazioni terremotate e delle loro legittime attese.

Chiedo pertanto a Silvio Berlusconi, fondatore di Forza Italia ieri, oggi leader del Pdl, cosa si debba attendere un libero cittadino che gode di tutti i diritti socio-politici, elettore del Pdl, da un partito gestito localmente in tale maniera, da permettere a persone come l’avv. Emanuela Preve di ricoprire un ruolo discrezionale, che Le consente di escludere cittadini leali e fedeli da sempre ai valori del centro-destra.

Un sistema perverso permette di inserire una persona che sino all’altro ieri si era accanita al punto di scrivere al Presidente della Repubblica. Sottoscrivendo l’allontanamento, da oppositrice, di Silvio Berlusconi!

Fabio Lucchini

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. jchnusa
    Scritto da jchnusa

    @ Hi-tech non mi è passato minimamente pensare il sig Gianetto come provocatore io apprezzo tantissimo quando si riesce ad avere delle discussioni, magari come in questo caso di vedute diverse, ma avendo un confronto civile senza insulti. si capisce chiaramente che lei non mi conosce perché le mie posizioni politiche all’ interno di Forza Italia/ PDL non sono quelle da lei descritte chieda anche allo stesso Gambaretto poi le sarà tutto più chiaro .se lei cerca su Ivg la diatriba che vi è stata negli ultimi 2 anni tra jchnusa e gambaretto anche nel blog citato da gianetto si renderà conto che il giovane fu avvisato di ciò che le sarebbe capitato seguendo un certo sistema politico all’ interno del suo stesso gruppo, ma tanto fu la voglia di arrivare che non si preoccupò minimamente dei consigli quindi oggi non mi resta che dire chi è causa del suo mal pianga se stesso, in tanti ci siamo passati prima di Gambaretto e i consigli di altri a volte possono essere molto preziosi

    le spese legali :per mia sfortuna poche volte per la verità ho dovuto fare uso della ingiustizia italiana e mi è capitato che il giudice pur dandomi ragione nella sentenza compensava le spese tra le parti per non parlare della volta che vinsi la causa contro un extra comunitario brava persona ma mal consigliato e il giudice mi costrinse a pagare le spese perché la controparte in quanto persona non ancora ben integrata e con poche risorse economiche non avrebbe potuto affrontare una spesa all’ epoca di 1.600 mila lire. credo che l’ingiustizia (non la giustizia) italiana sia meglio evitare di nominarla perché come si dice per i nemici si applica la legge per gli amici si interpreta
    per quanto riguarda informarsi mi chiedo e vi chiedo come mai se uno sconosciuto che fa notizia solo perché parla male di Berlusconi è attendibile e uno solo perché parla bene di Berlusconi è un lecchino ed è sottomesso al padrone? E chiaro che la domanda si può capovolgere,

  2. Scritto da antonio gianetto

    Mi sa che questa volta, Travaglio farà incazzare tutti: http://www.youtube.com/watch?v=g9xPbmf2l-Y

  3. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Tutto si puo’ obiettare ma di certo non si puo’ etichettare come provocatore Gianetto…!
    Caso mai occorrerebbe ringraziarlo per la Sua precisa e puntuale opera informativa che esercita.
    Il caso Gambaretto, caro jchnusa non è che la punta dell’iceberg: per ora i supporter stanno tutti buoni in pubblico, ma in privato…. Ne sento di cotte e di crude. Non vorrà farci credere che in casa vostra tutto va a gonfie vele e sono tutti contenti della monarchia assoluta che vige? Non penserà che ci possiamo “bere” la storiella della unanime condivisione delle scelte, in nome del vostro illuminato monarca?
    L’episodio di Gambaretto è un inizio. Dopo marzo vedremo come riuscirete a compattare il “partito”.
    Non me ne puo’ fregare di meno delle vostre lotte intestine ma- ovviamente- pur senza strumentalizzarle mi interessa rilevare e confermare che avete messo assieme tali e tante componenti disomogenee (come il PD del resto…), per creare forzosamente uno schieramento, che ora vi ritrovate con il problema di come tenerlo insieme. I metodi del partito classico non bastano perchè non è un partito. Purtroppo la sola maniera è quella aziendale o monarchica, ma non crediate che cio’ sia possibile esercitarlo per troppo tempo.

  4. Scritto da antonio gianetto

    Scusate, sopra ho riportato una notizia non corretta, modificare ” associazione mafiosa “, con
    ” concorso esterno in associazione mafiosa “

  5. Scritto da antonio gianetto

    Vorrei soltanto segnalare che mi limito a portare all’ attenzione degli altri, le notizie che trovo in inernet, poi, come fa Lei,ognuno farà le sue considerazioni. Questo non soltanto a livello politico, ma anche su questioni tecniche, come ad esempio, in questo caso: http://www.ivg.it/2010/01/02/danni-mareggiata-borgo-sib-basta-tamponare-serve-progetto-strutturale/#postcomment
    Presumo di avere maturato una buona esperienza tecnica per quanto riguarda il campo navale. Prendendo in esame il progetto della piattaforma Maersk , notai che avevano sistemato l’ ormeggio della petroliere in testata; ritenendo che questo andasse contro le regole di sicurezza in vigore, mi presi la briga di segnalarlo all’ Ufficio Sicurezza della Capitaneria di Porto di Savona. Vedendo che continuavano a proporre quell’ ormeggio, ne parlai con un giornalista, e questi rese pubblica la mia lettera, risultato: l’ ormeggio è stato spostato. ( anche se ritengo che dove lo hanno spostato non vada ancora bene, perlomeno è ubicato in una zona meno rischiosa ). Per quanto riguarda la Margonara, vedendo il progetto, segnalai i miei timori di quello che avrebbe potuto succedere, secondo il mio punto di vista, all’ interno del porto in seguito all’ eliminazione del polo di sottoflusso, e la cotruzione di una diga strutturata in quel modo. Risultato ricevetti dal sindaco alcuni chiarimenti, tra questi figurava una parte dello studio idrodinamico dell’ Università di Padova, saltai sulla sedia quando notai che gli studi prendevano in considerazione una vasta area davanti al porto, ma non la zona dove ormeggiano le navi da crociera, sulla quave prevedevo problemi di forte risacca con maltempo da elementi del secondo quadrante, non era stata presa neppure in esame. Questo le aveva segnalato anche in una trasmissione di buongiorno regione su rai3, ma si limitarono segnalare la notizia in modo parziale. Per quanto riguarda la politica non mi posso accontetere che Berlusconi, sulla TV di stato, compaia con il braccio sulla spalla di Dell’ Utri e Ci dichiari: questo è un Good Boy e sentirmi pure dichiarare che Mangano è un eroe. Se una persona, in primo grado, ( quindi potrebbe essere assolto nei successivi gradi di giudizio di giudizio, sempre che non arrivi la prescrizione ), viene condannata a 9 anni per “associazione mafiosa” non posso accettare per buono quello che ci racconta il nostro presidente, penso di poter aver il diritto di andarmi a documentare, indipendentemente dalla fonte che segnala la notizia;, poi faccio le mie considerazioni. Vorrei segnalare che per quanto riguarda Andreotti, ci viene sempre segnalato che è stato assolto, ma se è stato assolto, come mai ha dovuto pargarsi tutte le spese processuali? ( con un costo di alcuni miliardi che lo ha anche costretto a vendere la sua collezione di francobolli per rastrellare la somma necessaria a fronteggiare il cumulo di spese che il processo ha comportato. ) Anche il Nostro Presidente del Consiglio ( o chi per Lui ) ci dichiara, continuamente, che ha dovuto sostenere delle enormi spese, chi viene prosciolto avrebbe il diritto di poter andare avanti col processo, se non lo fa, mi sembra che sia costretto a pagarsi le spese legali, o forse mi sbaglio? Tutti sono liberi di credere che Lui sia perseguitato dai magistrati rossi, posso avere qualche sospetto, oppuro no! E per questo, perché devo essere dichiarato “un sinistro”, da chi neppure mi conosce?