IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, presentata la mostra di Rembrandt

[thumb:15418:l]Albenga. E’ stata presentata questa mattina presso la Sala degli Stucchi del Comune di Albenga la mostra “Il buoi si avvicina” dedicata al grande pittore Rembrandt, con l’esposizione delle principali incisioni del famoso artista olandese.

In mostra opere provenienti da raccolte pubbliche e private tra cui “Cristo davanti a Pilato” (1635), dalla collezione dell’attore Alain Delon, che possiede una delle più grandi e prestigiose raccolte d’arte d’Europa. La”Stampa dei cento fiorini”, (1647 ) già collezione del Metropolitan Museum di New York ed altre opere prestate da privati anonimi.

Esposti i fogli più ambiziosi dell’artista che riflettono la “straordinaria capacità di disegnare con la luce” termine, questo, usato frequentemente dai maggiori esperti di Rembrandt riferendosi alle sue opere. A seguire “Faust” (1652) tra le più enigmatiche del maestro, certo è che Rembrandt abbia preso spunto dall’opera teatrale di Christopher Marlowe, Dr Faustus, della quale viene indicata una versione olandese, anche se la rappresentazione di Rembrandt risulta essere totalmente innovativa rispetto alle altre rivisitazioni; “L’Angelo appare ai Pastori” (1634) è la prima acquaforte notturna di Rembrandt, che avrà una grande importanza per i suoi lavori futuri, specialmente dal 1640, dove cambia frequentemente varie tecniche e sviluppa il gusto per le scene notturne.

“Deposizione dalla croce alla luce di una torcia” (1654) da un’unica fonte di luce, la torcia, Rembrandt dona alla scena un’ intensità penetrante, dando peso ai corpi ed elevata espressione ai gesti e ai volti, ricordando allo spettatore tutto il dolore dell’avvenimento evangelico.

“San Gerolamo nella camera buia” si può vedere in quest’opera il sentimento olandese del diciassettesimo secolo, basti guardare il cappello da cardinale, il teschio e il leone, che si identificano e distinguono rispetto al resto della stanza che si perde nell’ombra. “Deposizione dalla croce” (1633) tra quelle di grande formato più conosciute, tratta da una tavola dell’artista del ciclo della Passione realizzato per Federico Enrico.

Infine, troviamo “La fuga in Egitto: Attraversando un ruscello” (1654), dove Rembrandt rende la Sacra Famiglia con semplicità, facendo si che nella scena notturna la Vergine e il Bambino fossero la fonte luce, regalando sacralità e santità ai personaggi, in una situazione disperata. Fa parte di una serie di incisioni notturne di piccole dimensioni, le quali illustrano l’infanzia di Gesù.

Questo evento è realizzato con il patrocinio della Regione Liguria, della Provincia di Savona e del Comune di Albenga, e con la collaborazione della Società Palazzo Oddo. Per l’occasione sarà prodotto un catalogo che, oltre a riprodurre tutte le opere esposte, presenterà alcune suggestive immagini fotografiche di Albenga, realizzate dal fotografo e scultore Flavio Furlani.

La mostra aprirà il 5 dicembre e sarà visitabile fino al 27 Febbraio 2010 presso la Gama (Galleria di Arte Moderna) in piazza San Michele ad Albenga, con il seguente orario da martedì a sabato dalle ore 9 alle ore 12 dalle ore 16 alle ore 19; l’ingresso è libero.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.