IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, Ciangherotti torna all’attacco sul tema della “difesa della vita”

[thumb:13911:l]Albenga. “E’ imbarazzante come sul rispetto della vita umana dal concepimento ancora si debba tentare di difendere una verità oggettiva, quale la personalità del concepito, apprezzabile nella fisionomia già con una semplice ecografia ginecologica” con queste parole Eraldo Ciangherotti, presidente di Federvita Liguria, torna sul tema della difesa della vita.

“Il richiamo di Bendetto XVI a ‘non abrogare le leggi che tutelano la sacralità della vita dall’azione politica’ non è infondato ma anzi adeguato e appropriato allo stato di emergenza in cui versa la condizione di abbandono della donna di fronte ad una maternità disagiata. Basti pensare che non solo in alcuni Paesi ma anche già in Italia diversi enti pubblici, gli stessi consultori pubblici delle Asl fingono che non esista una reale legge che promuova la tutela sociale della maternità” attacca il presidente di Federvita Liguria.

“Il diritto naturale del concepito che dovrebbe essere salvaguardato anche secondo il dettame della legge 40 sulla fecondazione assistita viene ogni giorno disatteso quando le istituzioni non operano per tentare di rimuovere le cause che spingono una donna ad abortire. Anzi, salgono alla ribalta delle cronache italiane casi clamorosi di certificati di interruzione di gravidanza che vengono rilasciati, per via urgente, senza un colloquio approfondito con la donna e senza neppure una visita ginecologica che ne attesti la gravidanza in atto, come accaduto ad un consultorio familiare dell’Asl savonese” prosegue Ciangherotti.

“Quando lo Stato si farà carico di promuovere la vita umana dal concepimento, con capitoli di spesa dedicati in finanziaria, abbandonando i vecchi ideologismi oramai trapassati e superati? I Centri di Aiuto alla Vita italiani, nell’attesa, continueranno a supplire le Istituzioni nel sostegno alle donne di fronte ad una maternità disagiata o inattesa” conclude il presidente di Federvita Liguria.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Leofinalese

    I Centri di Aiuto alla Vita cosa stanno facendo per una degna accoglienza delle donne immigrate che sono le più fragili di fronte ad una gravidanza indesiderata?
    Cosa stanno facendo per il potenziamento dei Consultori Familiari che invece devono ridurre gli interventi per il taglio dei finanziamenti da parte di questo Governo?