IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Aborto: da oggi via libera alla Ru486

Più informazioni su

[thumb:1255:l]Da oggi via libera definitivo alla pillola abortiva Ru486 che potra’ essere utilizzata nelle strutture sanitarie italiane. E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale di ieri la determina con cui l’Agenzia del Farmaco autorizza l’immissione in commercio del medicinale Mifegyne, prodotto dall’azienda francese Exelgyn.

Dunque, secondo le indicazioni dell’Aifa, la Ru486 potra’ essere dispensata al massimo entro la settima settimana di gestazione, solo in ospedale e in particolare “deve essere garantito il ricovero in una delle strutture sanitarie individuate dall’articolo 8 della Legge 194/78” per il periodo che va “dal momento dell’assunzione del farmaco fino alla verifica dell’espulsione del prodotto del concepimento”.

L’aborto farmacologico dovra’ inoltre avvenire “sotto la sorveglianza di un medico del servizio ostetrico ginecologico cui e’ demandata la corretta informazione sull’utilizzo del medicinale, sui farmaci da associare, sulle metodiche alternative e sui rischi connessi”, oltre all’attento monitoraggio “per ridurre al minimo le reazioni avverse segnalate, quali emorragie, infezioni ed eventi fatali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Leofinalese

    Questo è un passo avanti in quanto serve a far soffrire meno la donna che decide per una scelta molto delicata.
    Comunque io son sempre dell’idea che si fa troppo poco per educare ad una efficace contraccezione.
    I Consultori hanno sempre meno mezzi e possibilità per un intervento capillare nelle scuole.
    Inoltre c’è poco interesse per l’integrazione sociale delle donne immigrate che sitrovano sempre più spesso ad affrontare gravidanze indesiderate.