IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Villanova, la raccolta differenziata si amplia a compost e oli esausti

[thumb:14008:l]Villanova d’Albenga. Prosegue e si amplia la raccolta “porta a porta” dei rifiuti, a Villanova d’Albenga, anche alla luce degli ottimi risultati dello scorso anno quando, dopo soli 10 mesi dall’introduzione del nuovo sistema, il comune dell’entroterra ingauno è risultato essere la località ligure con la percentuale più alta di raccolta differenziata, sfiorando il 49%.

“Ora anche la frazione di Ligo è stata inserita nel sistema e questo fa pensare che ad oggi si possa aver oltrepassato la percentuale del 50%” dichiara il consigliere delegato all’ambiente Mario Siffredi, che poi prosegue: “Nel giugno scorso abbiamo avviato una campagna informativa che illustrava le modalità sullo smaltimento degli oli esausti alimentari e sul compostaggio domestico per lo smaltimento del cosiddetto umido, ovvero scarti alimentari, fogliame e sfalcio d’erba, dando la possibilità di aderire a entrambe le campagne o anche a una sola di esse”.

Fino ad ora sono 231 le famiglie che hanno aderito all’iniziativa: di queste 119 hanno scelto il compostaggio e 212 la raccolta dell’olio esausto da cucina, ricevendo una tanica da 5 litri che, una volta riempita, potrà essere svuotata presso uno dei sette raccoglitori posti nelle frazioni di Ligo, Marta, Bossoleto e Coasco (presenti sia a Marina Verde che a Borgo Verde) e, in centro, in piazza Torretta e piazza Santa Maria Rotonda.

“Siamo l’unico comune in tutta la provincia di Savona ad aver avviato un’iniziativa del genere – spiega orgogliosamente Siffredi -. Tutto questo è stato reso possibile anche grazie alla buona volontà dei villanovesi che hanno sempre dimostrano particolare attenzione e soprattutto buona volontà in materia di rifiuti”.

Ancora in corso, invece, la consegna delle compostiere, che potranno raccogliere fino a 310 litri di rifiuti. Al vaglio anche la creazione di un “albo” per verificare che i contenitori siano utilizzati correttamente dagli assegnatari.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Leofinalese

    COMPLIMENTI AI VILLANOVESI !!!!
    non so di che colore siano gli amministratori….. complimenti anche a loro.
    Il sistema avviato è l’unico che ci mette sulla strada giusta e gli altri comuni dovrebbero seguirne l’esempio.

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Mi e’ appena arrivato il conto della Tarsu per un paesucolo che ha attivato la raccolta differenziata porta a porta.

    Da quando e’ partita questa pessima iniziativa la raccolta rifiuti (diventata per me’ non residente ….. impossibile da utilizzare) e’ calata del 52% in quantita’.

    La differenziata e’ percentualmente aumentata …… ma rispetto ai quantitativi raccolti in precedenza e’ addirittura diminuita.

    Io ieri (ero andato li’ per fare delle pulizie….. ) mi sono portato via quattro grossi sacchi di materiale differenziato che ho distribuito (a Milano) nei contenitori giusti e ……. nel paesucolo …… nulla …. devo solo pagare (una cifra superiore a quella che pago a Milano).

    Ho gia denunziato l’anomalia tre volte al difensore civico (che per il paesucolo e’ il sindaco stesso) senza ricevere alcuna risposta …… (un borgomastro poco corretto anche in questo) ….

    ora denunziero’ il fatto alla regione auspicando precisi controlli sulla immondizia raccolta con queste innovazioni, chiedero’ di versare alla regione e non piu’ al comune tale tassa.

    …… Vediamo se la regione da’ almeno una risposta.