IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vendita di merce contraffatta: sequestro e denuncia ad Albenga

[thumb:8681:l]Albenga. Operazione della polizia municipale di Albenga, nell’area demaniale nel tratto compreso tra via Einaudi e via Michelangelo, al fine di contrastare la vendita abusiva di generi di abbigliamento. A seguito dell’intervento è scattata una denuncia penale.

Il verbale di violazione amministrativa è stato emesso ai danni di un cittadino marocchino, E.A.A., 29enne residente a Genova, titolare di regolare permesso di soggiorno, sorpreso a vendere merce contraffatta. A suo carico sono stati elevati un verbale di violazione amministrativa per il commercio abusivo e la denucia penale per detenzione e commercio della merce in questione.

Gli agenti hanno effettuato un sequestro amministrativo della merce non oggetto di contraffazione ed un sequestro penale per i prodotti contraffatti. Sono state sequestrate dieci borse da donna, tre borse tracolla, un portafogli, due camicie, una polo da donna, due giubbini, cinque polo da uomo, sei t-shirts e tre paia di jeans.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    …Bravo folgore. Ben arrivato.
    Anch’io rispetto ogni forma di Istituzione. E’ nella mia natura. Non nascondo di provare simpatia e stima per le istituzioni dello Stato. Un po’ meno per quelle degli Enti autarchici territoriali o quelle para-istituzionali. Specialmodo quando osservo che: si prestano a strumentalizzazioni politiche o corporativistiche, si arrogano funzioni che non hanno, non agiscono secondo linee meramente neutre e legislative ma incorrono in lievi svarioni con disparità di trattamento, e altre interessanti manovrette.
    Ma le rispetto comunque. Ricordo che in questi casi MI POSSO PERMETTERE DI CRITICARE come chiunque puo’ farlo.
    Commmetto un reato? se si quale? Lo Stato, in questi casi é lontano. Il decentramento di funzioni originariamente svolte da organismi che erano autorevolmente svincolate da logiche di bottega rionale oggi osservo che sono gestite maldestramente a livello locate. E andra’ sempre peggio con l’arrivo del cosiddetto “federalismo” che potremo certamente rinnominare “feudalesimo” o “botteghismo” o altre amenità che gia’ mi fanno incazzare.
    ciao

  2. Folgore dal cielo
    Scritto da Folgore dal cielo

    Complimenti joeblack! Hai ragione… E’ sempre tutto… e il contrario di tutto!!!…
    L’importante è il mugugno… gratuito!!!
    Rispetto per OGNI FORMA di forza istituzionale!!! Che siano Polizia Municipale o Carabinieri, Messi Notificatori Comunali o Infermieri Ospedalieri, Vigili del Fuoco o Volontari della Protezione Civile… Non come succede spesso a qualcuno… a piacimento… e del momento!!!
    … naturalmente… sempre con la massima garbatezza (degli altri!) e rispetto (sempre e solo degli altri!!!)!!!

  3. Scritto da babajaga

    Egregio “hi-tech”
    questi “extra-comunitari che vivono ai margini della società” vendono borse contraffatte spergiurandone la loro autenticità, convincendo così non pochi allocchi ad acquistarle a prezzi da capogiro . Queste borse , il cui valore commerciale é di pochi euro, arrivano a centinaia di migliaia stipate in container provenienti dalla Cina dove sono confezionate da persone , tra cui molti minorenni , che vengono letteralmente sfruttati facendoli lavorare per molte ore , senza alcuna norma di sicurezza , in luoghi insani per un pugno di riso.
    Sempre questi “extra-comunitari che vivono ai margini della società” che tutti i giorni mi spaccano i xxxxxxx mentre cerco di rilassarmi alla spiaggia , non pagano un euro di tasse , tolgono lavoro al commercio regolare , che invece le paga(le tasse) fornendo anche lavoro onesto ai propri dipendenti.
    Sempre questi “extra-comunitari che vivono ai margini della società” tolgono lavoro a coloro che producono onestamente e regolarmente nei laboratori che confezionano i capi per le “griffe” che loro contraffanno , tolgono lavoro ai fornitori delle materie prime e a tutto il comparto della distribuzione.
    Sempre questi “extra-comunitari che vivono ai margini della società” dei quattrini in nero ed esentasse che turlupinano ai poveri beoti che acquistano le loro patacche resta in mano qualche spicciolo in quanto pure loro sono sfruttati da qualcuno che tutto questo denaro lo investe in loschi affari. La contraffazione é un’attività di criminalità organizzata controllata dalla camorra, quindi chi aquista questi prodotti la finanzia .

  4. Scritto da Leofinalese

    marocchino residente a Genova…mi piacerebbe sapere chi c’è dietro a questo commercio di prodotti taroccati.
    E’ li che bisogna cominciare ad indagare e non penso che debbano essere mobilitati i servizi segreti.

  5. joeblack
    Scritto da joeblack

    La risposta a tutta la mia domanda non c’è stata e non ci sarà mai e tu, lo sai benissimo.
    Non mi spiace che tu ti possa schierare dalla parte dei deboli, l’importante che tu lo faccia per convinzione e non perchè lo vuole il tuo padrone, oh scusa: capo, già perchè i padroni sono solo
    appannaggio di ruffiani e fino a qualche anno fa di cani.
    Per fortuna tu sei un cavaliere, non servente.