IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

SuperEnalotto, continua la caccia: la Liguria non ha mai fatto 6

Più informazioni su

[thumb:13837:l]Ancora una fumata nera per il ‘6’ dei sogni degli italiani. Nessuno ha centrato la sestina vincente nel concorso (n. 98) del SuperEnalotto di ieri sera. La combinazione estratta è composta dai numeri 4, 10, 27, 28, 34, 57, con il numero Jolly 71 ed il numero Superstar 58. Nel concorso di domani il jackpot sale a 139,9 milioni di euro. Mancano all’appello anche il ‘5+1’ ed il ‘5 Stella’ mentre sono stati realizzati ben 73 ‘5’, ciascuno dei quali incassa 37.791,26 euro e 27 ‘4 Stella’ che gauadagnano ognuno 24.970 euro.

Sono Campania e Lazio le regioni che nella storia del SuperEnalotto sono state maggiormente baciate dai ‘6’. Dati alla mano, infatti, Campania e Lazio sono ad oggi le uniche regioni andate in doppia cifra, rispettivamente con 15 e 14 vincite di prima categoria. In terza posizione si piazza invece la Puglia, con nove premi, seguita da Emilia Romagna (8), Lombardia, Piemonte, Veneto e Toscana (6). Le isole, Sardegna e Sicilia, riporta Agipronews, possono contare su 4 vincite a testa, mentre la Calabria su 3, Abruzzo e Friuli su 2. Con un solo ‘6’ centrato troviamo invece Basilicata, Umbria e Marche, mentre la vincita di prima categoria in undici anni e mezzo non ha mai premiato Liguria, Molise, Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige.

Qualora venisse centrato il ‘6’ da 141 milioni di euro, ad oggi la vincita più alta di tutti i tempi in Italia, il vincitore del jackpot milionario non potrà incassare subito il premio. Secondo il regolamento Sisal in tema di riscossione vincite, infatti, riporta Agipronews, per premi superiori al milione di euro si dovrà presentare la stampa del Dettaglio Giocata vincente (riportante il codice univoco della giocata ed il codice di identificazione del conto di gioco), un documento di identità valido ed il Codice Fiscale entro il 90esimo giorno dal giorno successivo alla pubblicazione del Bollettino Ufficiale Generale. La presentazione potrà avvenire esclusivamente negli Uffici Premi di Sisal Spa in Via Alessio di Tocqueville 13 – 20154 Milano, o in Viale Sacco e Vanzetti, 89 – 00155 Roma. La Sisal poi, a condizione che non sia stato presentato alcun reclamo che possa pregiudicare il diritto alla vincita rivendicata o il valore ad essa attribuito, effettuerà il pagamento entro 31 giorni dalla scadenza del termine previsto per la presentazione dei reclami stessi. Il pagamento della vincita avviene dopo la verifica che la documentazione prodotta identifichi correttamente il vincitore, secondo i dati anagrafici presenti presso i sistemi del concessionario dei Giochi Numerici a Totalizzatore Nazionale.
[thumb:13837:l]Ancora una fumata nera per il ‘6’ dei sogni degli italiani. Nessuno ha centrato la sestina vincente nel concorso (n. 98) del SuperEnalotto di ieri sera. La combinazione estratta è composta dai numeri 4, 10, 27, 28, 34, 57, con il numero Jolly 71 ed il numero Superstar 58. Nel concorso di domani il jackpot sale a 139,9 milioni di euro. Mancano all’appello anche il ‘5+’ ed il ‘5 Stella’ mentre sono stati realizzati ben 73 ‘5’, ciascuno dei quali incassa 37.791,26 euro e 27 ‘4 Stella’ che gauadagnano ognuno 24.970 euro.

Sono Campania e Lazio le regioni che nella storia del SuperEnalotto sono state maggiormente baciate dai ‘6’. Dati alla mano, infatti, Campania e Lazio sono ad oggi le uniche regioni andate in doppia cifra, rispettivamente con 15 e 14 vincite di prima categoria. In terza posizione si piazza invece la Puglia, con nove premi, seguita da Emilia Romagna (8), Lombardia, Piemonte, Veneto e Toscana (6). Le isole, Sardegna e Sicilia, riporta Agipronews, possono contare su 4 vincite a testa, mentre la Calabria su 3, Abruzzo e Friuli su 2. Con un solo ‘6’ centrato troviamo invece Basilicata, Umbria e Marche, mentre la vincita di prima categoria in undici anni e mezzo non ha mai premiato Liguria, Molise, Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige.

Qualora venisse centrato il ‘6’ da 141 milioni di euro, ad oggi la vincita più alta di tutti i tempi in Italia, il vincitore del jackpot milionario non potrà incassare subito il premio. Secondo il regolamento Sisal in tema di riscossione vincite, infatti, riporta Agipronews, per premi superiori al milione di euro si dovrà presentare la stampa del Dettaglio Giocata vincente (riportante il codice univoco della giocata ed il codice di identificazione del conto di gioco), un documento di identità valido ed il Codice Fiscale entro il 90esimo giorno dal giorno successivo alla pubblicazione del Bollettino Ufficiale Generale. La presentazione potrà avvenire esclusivamente negli Uffici Premi di Sisal Spa in Via Alessio di Tocqueville 13 – 20154 Milano, o in Viale Sacco e Vanzetti, 89 – 00155 Roma. La Sisal poi, a condizione che non sia stato presentato alcun reclamo che possa pregiudicare il diritto alla vincita rivendicata o il valore ad essa attribuito, effettuerà il pagamento entro 31 giorni dalla scadenza del termine previsto per la presentazione dei reclami stessi. Il pagamento della vincita avviene dopo la verifica che la documentazione prodotta identifichi correttamente il vincitore, secondo i dati anagrafici presenti presso i sistemi del concessionario dei Giochi Numerici a Totalizzatore Nazionale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.