IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Realizzare un raccoglitore porta documenti foto

Più informazioni su

Materiale: fustino di detersivo in polvere rettangolare, carta da pacco, foglio di carta da regalo o da décupage, pennarello a punta grossa, colla vinilica,colla a caldo, pennello, forbici, cutter, pinza, borchie decorative.

Con il pennarello disegniamo un’onda su uno dei due lati lunghi del fustino. Dal punto di partenza dell’onda tracciata a quello d’arrivo, dobbiamo ottenere circa 10 cm di differenza. Con il cutter tagliamo seguendo il tracciato del pennarello.

Ripetiamo il taglio anche sul lato speculare e con due tagli orizzontali stacchiamo definitivamente il pezzo di fustino in eccesso ottenendo la sagoma del porta-documenti.
Indicativamente il lato anteriore del nostro oggetto dovrà essere circa di 23 cm mentre il lato più alto di 33cm.

Con la carta da pacco e la colla vinilica diluita con acqua, rivestiamo tutto il porta-documenti e lasciamo asciugare per permettere alla colla di tirare la carta eliminando eventuali grinze.

Per la decorazione possiamo utilizzare qualsiasi tipo di carta:una fantasia di una carta da regalo, ritagli di quotidiani strappati, immagini di pubblicità incollate a patchwork o come in questo caso una carta da décupage

Con l’aiuto del pennello incolliamo le parti ritagliate con colla vinilica diluita in acqua.

Ricopriamo tutto con colla vinilica formando un film di protezione.

Con la pinza tagliamo lo spillo delle borchie il più corto possibile per poterle incollare.

Con la colla a caldo incolliamo le borchie su tutto il perimetro del portadocumenti ad una distanza di 1 cm circa l’una dall’altra. Se non avete delle borchie di recupero, come nel mio caso, potete rifinire con dei vecchi bottoni, con del nastro o della passamaneria.

Se vogliamo dare al nostro oggetto un’aria vissuta, un po’ invecchiata, possiamo spennellarlo in alcuni punti con un po’ di caffè diluito in acqua ottenendo così delle ombreggiature simili ai segni dell’usura.

Rubrica a cura di Donatella Ciammola, interior designer di Segni e Impronta

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.