IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Porto di Vado: sperimentazione per metrocargo

Più informazioni su

[thumb:1638:l]Vado Ligure. E’ stata filmata la prima sperimentazione di prova del sistema Metrocargo che sarà in futuro utilizzato per la movimentazione dei container al porto di Vado. Il sistema è alimentato elettricamente per non inquinare ed è silenzioso. La prova è stata fatta da una delegazione composta da funzionari del Porto di Rotterdam, della Procter&Gamble, da due docenti dell’Università di Genova.

“Il metrocargo è una modalità innovativa studiata per svolgere le operazioni di carico/scarico dei treni portacontenitori senza ulteriori manipolazioni – si legge in una nota – Il sistema, al cui sviluppo hanno contribuito anche alcuni Dipartimenti di Ingegneria dell’Università di Genova, consente di manipolare i contenitori come già è possibile fare per i pallets, utilizzando sistemi automatizzati. In pratica, i cassoni vengono trasferiti su grandi rulli, quindi caricati direttamente su treni e viceversa”.

In un primo momento sperimentale il sistema sarà predisposto con una via di corsa lunga circa 60 metri, con la possibilità di estenderlo all’intero fronte di accosto delle grandi navi. Questa iniziativa, che rientra tra le intese raggiunte lo scorso anno tra Autorità Portuale e Comune di Vado Ligure, permetterà di trasferire su rotaia almeno il 40% dei contenitori movimentati dalla piattaforma Maersk.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bruno Pirastu
    Scritto da Bruno Pirastu

    Ovviamente con minor impegno di personale