IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pietra Ligure, “Bim Bin Gio Co” ritorna con il Teatrino dell’Erba Matta foto

[thumb:13848:l]Pietra Ligure. Da sabato 22 agosto, a Pietra Ligure, sarà nuovamente in scena “Bim Bin Gio Co – la città parla bambino da levante a ponente”, organizzata dall’assessorato al Turismo del Comune di Pietra Ligure con il patrocinio della Provincia di Savona e della Regione Liguria.

Fino al 5 settembre nelle vie e piazze di Pietra Ligure attori, burattini, pupazzi e maghi condurranno i bambini nel magico mondo dello spettacolo teatrale e animatori ed educatori offriranno loro l’occasione di giocare e sperimentare la propria creatività.[image:13849:r]

Ad inaugurare la seconda parte della rassegna “Bim Bin Gio Co”, che vede la direzione e il coordinamento artistico di Luca Malvicini, sarà sabato 22 agosto, alle ore 21,00, in piazza San Nicolò, il Teatrino dell’Erba Matta con lo spettacolo “Aladino e la Lampada Magica”. Continuando la ricerca sull’Oriente, la Compagnia del Teatrino dell’Erba Matta ha affrontato un altro racconto delle “Mille e una notte”, “Aladino e la lampada magica”, una fiaba molto conosciuta ma poco raccontata.

I protagonisti sono tutti grandi pupazzi animati a vista dal narratore che da vita e voce mescolando il teatro d’ombre (tipico del mondo orientale) al movimento delle scenografie che formano 12 ambienti totalmente diversi nell’arco di una ora di spettacolo.

La magia che avvolge il mistero della lampada magica e del suo genio diventa la fortuna del giovane protagonista che, per raggiungerla, compie un viaggio nel profondo delle viscere di una caverna. Questo percorso verso le profondità della grotta avviene attraverso un cambio di scenografie che conducono lo spettatore sempre più all’interno della storia seguendo un viaggio immaginario al centro della terra. Dalla Casbah dove vive la povera famiglia di Aladino, al bosco, alla caverna. Raggiunto il punto più oscuro: c’è la rinascita, si torna indietro fino a raggiungere nuovamente la casbah, la reggia del sultano Sinan Gapudan Pascia’ e l’amore di Raggio di Sole.

Il tema prevalente è la libertà, la giustizia, l’uguaglianza, il Genio protagonista cerca e ottiene la propria libertà. Le scenografie sono in legno dipinte ad olio seguendo le tavole iconografiche della cultura persiana, i personaggi sono rappresentazione di popoli e culture mediorientali ( turchia, arabi, persiani). Le musiche rappresentano la tradizione occidentale dell’America del Nord (New Orleans) con utilizzo di solo strumenti a fiato della famiglia degli ottoni. E attraverso l’unione di due culture così diverse si è raggiunto un equilibrio magico di sapore antico che porta l’uomo a considerarsi cittadino del mondo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.