IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Montecarlo è il “paradiso fiscale” dei liguri

Più informazioni su

[thumb:441:l]Liguria. L’agenzia delle entrate ha reso noto il risultato della lotta contro i “paradisi fiscali” sul territorio regionale. Sono 2.300 i nominativi da sottoporre a controllo: questo è infatti il numero dei cittadini liguri che risultano residenti in paesi a fiscalità privilegiata in almeno uno degli anni 2006, 2007 o 2008, pur in presenza di significativi indizi che fanno presumere in Italia il centro dei propri interessi familiari ed economici.

La meta di “evasione” più ambita è il vicino Principato di Monaco, con 1.502 residenti. Seguono diversi paesi dell’America Latina, quali Uruguay (208), Ecuador (149) e Costarica (70), ma anche i più esotici Emirati Arabi Uniti (75), Hong Kong (41) e Singapore (34). Non ultima, San Marino con 67 casi.

Le attività di controllo, volte a contrastare comportamenti evasivi ed elusivi con conseguente recupero delle imposte evase e il “rientro” in Italia di quei soggetti per i quali sarà riscontrata la fittizietà dell’espatrio, vedono il anche il coinvolgimento dei comuni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. LEONIDA
    Scritto da GUFO

    ENIMONT

    certamente se ci fosse ancora visco
    ora sapremmo dove è finita,in quale
    paradiso,la terza e più pesante valigia,
    i nostri bravi inquisitori non ce lo hanno
    ancora detto….e i compagni,per certe cose,
    hanno la memoria corta…..troppo corta
    anche perchè ora c’è da scrivere la storia

  2. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Quando restraureremo lo Stato Pontificio e ci sarò SOLO la TEOCRAZIA verremo a cercarvi tutti voi finti osservanti. Vi porteremo in piazza su un carroccio, con il deretano di fuori e vi faremo fustigare da dei saracini che avremo imprigionato. Poi prenderemo Borghezzo e Calmeroli e li faremo accoppiare alla vista pubblica rendendo pubblica l’esiguità dimensionale dei loro organi riproduttivi….
    Questo succederà.

  3. Tex Murphy
    Scritto da Tex Murphy

    Mi dispiace per te caro hi-tech ma i “quattro coglioni che parlano a nome di tutti” e che mettono in discussione i “capisaldi istituzionali e addirittura si consente loro di ingerire anche nell’attività dello Stato Pontificio !!!!!”, non sono poi tanto coglioni a mio modesto avviso e non sono neanche quattro.
    Questi quattro, che spero diventino presto quaranta milioni (di coglioni si intende), hanno tutte le ragioni di protestare, contro lo stato laico, quello pontificio e quanti altri stati e staterelli si annoverano in questo Stato delle Banane.
    Meno male che ci siete voi “Crociati” (con la croce o con la falce e il martello, sempre uguali siete) che ci salverete.
    Adesso posso dormire tranquillo.

  4. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Caro hi-tech

    il concetto di Stato ….. In effetti oggi io mi sento piu’ europeo …. lo Stato di appartenenza e’ li’, se mi viene il ghiribizzo di pensar di spostarmi a Montecarlo o in Francia a Mentone o a …. lo faccio per vivere meglio e “non penso minimamente” al fattore fiscale che spero sia equivalente, certo non vorrei pagare le tasse due volte ne aver troppe rogne dietro a regolette assurde.

    Certo che se me ne vado da un posto perche’ ….. non mi piace piu’ …. e mi trasferisco in un altro luogo non vorrei piu’ pagare tasse nel posto che ho lasciato (salvo il minimo indispensabile per mantenere vivo un eventuale rientro).

    Ho letto che qualcuno sostiene che le tasse pagate sembrano soldi buttati al vento …… mentre cammino sui sassi che qualche incompetente ha distribuito sulla nostra bella spiaggia …… lo penso anche io.

  5. Scritto da antonio gianetto

    Non diamo tutta la colpa a chi ha evaso le tasse, dobbiamo anche darla a chi ha speso male i nostri soldi, c’è pure chi contunua a ripeterci che non ci sta nettendo le mani nelle tasche e continua a far peggiorare il debito pubblico, nonstante da tempo, abbiamo cominciato e venderci beni immobili, gioielli ed argenteria: http://www.agoravox.it/Debito-pubblico-L-Italia-sull-orlo.html