IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Loano, “10.000 luci nella notte” a Ferragosto

[thumb:13739:l]Loano. Saranno “10.000 luci nella notte” a colorare il mare di Loano la sera di Ferragosto. Sabato 15 agosto, alle ore 21, oltre trenta imbarcazioni illuminate partiranno dal porto per raggiungere il litorale loanese e diecimila lumini variopinti saranno posati in mare. L’iniziativa, organizzatala dalla Confraternita delle Cappe Turchine, grazie alla collaborazione dell’assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano, dei pescatori loanesi, dell’Ufficio Locale Marittimo, del Porto di Loano, dell’Associazione Bagni Marini e dell’Associazione Maina de Loa, ripropone un’antica tradizione, che affonda le sue radici nell’antica cultura marinara loanese.

L’illuminazione del mare e la processione delle barche illuminate nasce, agli inizi del XX secolo. I pescatori ed i marinai loanesi rendevano così omaggio alla Madonna della Visitazione, protettrice del mare e dei marinai. Loano in origine era un borgo di marinai e pescatori. I naviganti lasciavano per mesi la famiglia e facevano rotta verso i mari lontani, sulla spiaggia di Loano i cantieri navali costruivano e varavano velieri, pinchi e leudi. Il golfo era un porto naturale, e verso la fine del `700, in periodi meteorologici favorevoli, si contavano più di cento velieri in attesa di scaricare il loro carico. Il legame con il mare si è mantenuto nel tempo e nel dopoguerra, con l’avvento del turismo, le iniziative tradizionali si rinnovarono, acquisendo nuovi significati.

Le famiglie dei pescatori e marinai arricchirono la festa dell’illuminazione del mare con elementi scenografici. Iniziarono a decorare le loro imbarcazioni con luci che disegnavano immagini di mare, di pesca e di fede e dopo aver varato le barche si recavano in processione sul relitto del piroscafo “San Guglielmo” silurato ed affondato durante la prima guerra mondiale. Qui recitavano con grande solennità la preghiera del marinaio e un sacerdote benediva il mare ed i marinai. Le barche illuminate riprendevano la processione lungo il litorale di Loano e terminata la cerimonia i pescatori tiravano in secca sulla spiaggia le barche e si preparavano per un’altra giornata di lavoro in mare.

Anche quest’anno i sub poseranno sul relitto del San Guglielmo una corona di fiori e dalla spiaggia saranno messe in mare 10.000 candele colorate. Ogni candela accesa rappresenta una preghiera e un messaggio di buon auspicio.

Sul lungomare la serata sarà accompagnata dalle note musicali della formazione musicale “The Witch Project”, che, dalle ore 21, nello Spazio Culturale Orto Maccagli, intratterrà il pubblico con cover che spaziano tra i tanti generi musicali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.