IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ferrania, Prc: “Manca ancora un piano industriale per l’occupazione”

[thumb:304:l]Cairo M. Rifondazione Comunista interviene sulla vicenda Ferrania. Dopo la firma della cig e la soluzione in vista per la vertenza sui cantieri scuola-lavoro, il segretario provinciale Marco Ravera e il responsabile lavoro del Prc Furio Mocco affermano: “Nonostante gli annunci trionfalistici di Scajola, Vaccarezza e soci, secondo i quali il caso Ferrania è risolto nei migliore dei modi, la realtà è ben diversa. Deludente è stato l’incontro organizzato a Cairo Montenotte tra Comune, Provincia e Regione che ha messo in mostra il disinteresse della nuova amministrazione provinciale”.

“La firma della cig è stato un risultato non scontato che mette tuttavia in luce l’assenza di un piano industriale degno di questo nome – proseguono Mocco e Ravera -. Non credo che questo passaggio possa essere definito strategico e non è certo la soluzione alla crisi, ma ha il pregio di dimostrare quali risultati tangibili e strategici siano stati fin qui traguardati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Mentre programmo il futuro utilizzo di una pellicola fotovoltaica per il rifacimento della pittura ormai vecchia di una casetta in campagna mi sorge un dubbio ma il muro come traspira? ….

    E mi viene in mente che un tessuto plastico (ormai disponibile da anni) che permette alla pelle di espellere il sudore mentre ha una funzione impermeabile alla pioggia ….. ecco un altro problema risolto.

    Domani prendo un campione del rivestimento per esaminarne il colore …. cosi (appena possibile) potro’ fare l’ordine della pellicola nel colore e disegno compatibile con quello attuale poi …. la striscia verra’ applicata con una semplice colla per piastrelle, verra’ ritagliata in corrispondenza delle finestre … solo poche celle rimaranno isolate, appena finito …..un lavoretto facile facile di poche ore …. la facciata sara’ a nuovo e …. con un semplice collegamento dei terminali …. l’energia sara’ disponibile …

    Che ne faccio?

    Ecco qui nascono i problemi …… burocratici …… help.

    (forse mi conviene rivestire una parete altrove ….. qui si puo’ usare solo energia nucleare …. pare)

  2. Scritto da berna santino

    Marco, se mi posso permettere, la notizia non è la cassa o l’assenza del piano industriale quella ormai è storia vecchia di 6 anni, ma la decisione di mettere 110 in mobilita’ (licenziati).
    Notizia che i lavoratori hanno appreso dal tg3 come già successe per l’annuncio del primo periodo di cassa all’inizio della crisi . Possibile che i sindacati non sapessero nulla di questi 110 ?

  3. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    E’ mai possibile che la Ferrania non possa tornare a manipolare pellicole in quantita’?
    Non saranno pellicole fotografiche …… ma sempre pellicole potrebbero essere.

  4. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Alla fine del prossimo decennio lo sviluppo del fotovoltaico …. non piu’ assistito da amorevoli cure (che ne impediscono lo sviluppo in una forma economicamente competitiva) rappresentera’ un motivo di sviluppo per chi lo affrontera’ con determinazione.

    La Ferrania ….. operava su pellicole fotografiche ….. e’ notizia (pubblica) di poche settimane fa’ che la sottile piastra di silicio alla base del sistema fotovoltaico e’ stata tagliata in una decina di fettine … (con un raggio laser) ed applicata su una pellicola resistentissima.

    Risultato ….. (una volta entrati in produzione) costi dieci volte inferiori, resa maggiore (piu’ e’ sottile e piu’ rende) supporto resistentissimo e trasparente che si puo’ arrotolare ed applicare (forse) come una carta da parati.

    Quanta gente in futuro preferira’ applicare alla superficie esterna della casa una pellicola fotovoltaica in grado di recuperare tre volte l’energia che la casa stessa consume …. ad un costo inferiore ad un qualsiasi altro tipo di rivestimento?

    Forse e’ il momento di cominciare a dimenticare il conto energia ed a studiare come utilizzare elegantemente in architettura questo nuovo prodotto ….. (in arrivo).

    Il mondo va’ avanti spedito anche se qualcuno continua a pensare che il futuro risieda nell’atomo.

    (Probabilmente il nucleare …….. serve per altri scopi magari utilissimi …. ma che nulla hanno a che vedere con l’economia)

  5. Scritto da Leofinalese

    Ma dove cavolo sono andate a finire le promesse e gli impegni di Scajola e Burlando?
    Se non si riesce a tenere in piedi un impresa puntando sul fotovoltaico che è in ripresa in tutto il mondo…possiamo tornare a raccogliere castagne.