IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ferrania, Berruti (Filcem Cgil): “Dubbi sul polo del fotovoltaico”

[thumb:9672:l]Cairo Montenotte. “Nutro dei dubbi sul fatto che il piano industriale sul fotovoltaico possa davvero trasformare il sito di Ferrania nel polo del settore per il Nord Ovest”. E’ l’opinione di Fulvio Berruti della Filcem Cgil, che proietta un quadro poco invitante dal punto di vista occupazionale: “Così come ci è stato presentato, il progetto del fotovoltaico potrebbe occupare una trentina di persone. Ben poco direi”.

Le pellicole fotosensibili di nuova generazione, che in un prossimo futuro potranno essere applicate sulle superfici degli edifici per produrre energia solare, dovrebbero essere al centro di quella che sarà la linea di produzione e di ricerca dello stabilimento valbormidese. “Per ora è tutto sulla carta e nelle idee” afferma Berruti.

Dopo la cassa integrazione in deroga per tutti i dipendenti e nonostante siano state trovate le risorse per i cantieri scuola-lavoro (con la promessa da parte delle istituzioni di nuovi ammortizzatori sociali per il 2010), le preoccupazioni dei lavoratori sono sempre le stesse. “Abbiamo visto sfilare azionisti e lo scorso agosto sparire Gavio e Malacalza – dice Fulvio Berruti – Abbiamo visto sfumare l’ipotesi del laminatoio. Certo che è difficile essere fiduciosi sul rilancio economico-occupazionale che tarda sempre ad arrivare, anche quando si parla di investimenti sul fotovoltaico”.

Aggiunge l’esponente della Filcem Cgil: “Su 500 mila metri quadri disponibili per l’industria, soltanto il 15% sarà infrastrutturato per la produzione. Vorremmo capire come mai resta fuori dai piani il restante 85% delle aree di Ferrania, nonostante non vi sia più contenzioso giuridico con i commissari straordinari e i terreni siano ora tutti sotto la disponibilità di Ferrania Technologies”. “Che Ferrania diventi un parco tecnologico è un auspicio e, in teoria, un progetto serio e fondamentale – conclude – ma sulla realizzazione riservo dei dubbi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. slavaro
    Scritto da Pozz

    Beh, finalmente qualcuno che inizia ad esternare dubbi e perplessità su questo intervento che è nato bene (sulla carta) ma trova negatività e difficoltà di applicazione. E la vicenda della Ferrania giustamente come qualcuno sostiene è da considerarsi all’interno di un’area complessiva da ragionare in termini di sitema industriale per tutta la Valle Bormida. Cosa che al giorno di oggi è solo un piano di fattibilità ma che non ha mai riscontrato concretezza. Quindi ben vengano, anche se con notevole ritardo, i dubbi espressi dalla CGIL anche se molto tempo fa si potevano cogliere suggerimenti o stare a sentire autorevoli esponenti che criticavano il progetto in questione. Certo che per uno come me che è entrato alla 3M e si era più di tremila dipendenti vedere oggi questo colosso soffrire nel deserto con pochi aiuti e con una voglia velata di liberare quelle aree..!!! Liberarle per farci cosa, non ve ne sono già a sufficienza inattive e desiderose di poter esprimere la loro capacità produttiva e/o di servizio? A meno che non si pensi sempre al..mattone….