IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Caccia: in Liguria nessuna pre-apertura

Più informazioni su

[thumb:9215:l]Regione. I cacciatori potranno tornare a cacciare dal 2 settembre, giorno di preapertura della stagione venatoria, ma solo in alcune regioni. La stagione aprirebbe normalmente alla terza domenica di settembre. A decidere sulle deroghe concesse al regolare calendario venatorio saranno le Regioni che in alcuni casi lasciano la facoltà alle province.

Grazie alla preapertura i cacciatori possono imbracciare il fucile qualche giorno prima, anche se quest’anno dovranno avere un po’ più di pazienza del solito: si inizierà a sparare 24 ore dopo la preapertura abituale, e cioé il 2 settembre, questo perché il primo cade di martedì, in uno dei due giorni di silenzio venatorio (l’altro è il venerdì).

La Regione decide, oltre che sul calendario, anche sulle specie per le quali è permessa la caccia che vanno dal colombaccio alla tortora, dalla pernice rossa al fagiano, dalla lepre alla volpe, dal beccaccino alla quaglia, dal cinghiale al capriolo. Per quanto riguarda le date, invece, ogni Regione sceglie delle date, ma in generale quasi tutte partono il 2 settembre.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Leofinalese

    Mi domando che cosa ci sia ancora da cacciare. Molte delle specie sopra citate sono in via di estinzione.
    Non parlatemi della caccia al cinghiale perchè il sovrappopolamento di questa specie è un errore voluto di chi se ne infischia degli equilibri naturali e comunque la caccia non risolverà mai il problema.