IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Basket: il Riviera riparte con la serie A Dilettanti nel mirino foto

[thumb:10785:l]Vado Ligure. E’ iniziata la preparazione del nuovo gruppo che, con la maglia del Riviera Basket, lancerà la sfida nel prossimo campionato di serie B Dilettanti e in Coppa Italia. La società guidata dal presidente Roberto Drocchi (da poche settimane anche presidente della Lega Pallacanestro) ha voluto incontrare staff tecnico e giocatori per dare loro il benvenuto ufficiale e comunicare i programmi.[image:13890:r]

Primo obiettivo, infatti, è il ritorno immediato in serie A Dilettanti, quella categoria persa l’anno scorso in modo rocambolesco (il nuovo coach, Franco Passera, ha detto chiaro che “L’anno scorso questa società ha subito gravi ingiustizie”). Altra priorità sarà conquistare il cuore dei tifosi. Come? Semplicemente giocando a ritmi elevatissimi e vincendo. Solo così arriveranno i risultati e si farà affezionare il pubblico del palasport di Quiliano in modo che sia sempre più numeroso.

Davanti ad squadra profondamente rinnovata il presidente Drocchi ha sottolineato che la società è “Eccitata per questa nuova stagione alle porte. Veniamo da un anno difficile, abbiamo superato la delusione e c’è una grandissima voglia di riscatto”.

Il gruppo è in gran parte nuovo, della squadra dello scorso anno sono rimasti solo il capitano Paolo Patria, alla sua ottava stagione in biancorosso, il play Matteo Baggioli (foto a destra) e i giovani Roberto Bigoni, Francesco Bongioanni e Mattia Marchetti.

I grandi colpi messi a segno sul mercato estivo dal diesse Gabriele Martino portano i nomi altisonanti di Stefano Rusconi (che ha alle spalle una lunga carriera in serie A e nella NBA americana) e Fabio Fanchini (play di Jesolosandonà che ha condannato proprio il Riviera nei playout), Daniele Ganguzza (arrivato da Valenza) Tommaso Cappa (prelevato da Olbia) e Andrea Paleari (da Civitanova, anch’egli giocatore a lungo inseguito dallo staff biancorosso). A loro sono affiancati le principali promesse della pallacanestro ligure e non solo: Angelo Bedini, Jacopo Bovone, Eracle Mozzi e Davide Varrone.[image:13888:r]

Il coach Passera (foto a destra), che sarà coadiuvato dal vice Danilo Spedaliere (già in forza al Riviera), nella scorsa stagione era al timone del Legnano in serie B Dilettanti. Classe 1950, vanta una lunghissima esperienza sulle panchine della serie B, ma anche un periodo come assistente di Dodo Rusconi in A1 con la Emerson Varese (con la quale conquistò anche una Coppa delle Coppe nel 1980). Robur Varese, Fidenza (due anni), Bresso, Omegna, Asti (quattro anni) e Legnano le ultime tappe della carriera del coach.

“Conosco il Riviera da parecchio tempo – commenta Passera -, da avversari le nostre strade si sono spesso incrociate. Inoltre conosco il presidente Drocchi da parecchi anni e quando mi ha chiamato è stato facile intavolare un programma di base. Nei colloqui avuti prima della firma del contratto, sono rimasto favorevolmente colpito dalla serietà di questa società, che ha saputo crescere contando solo sulle proprie forze e facendo del lavoro il proprio credo. Come Asti, anche il Riviera ha fatto i suoi passi per salire in B2 e poi in B1. Le società hanno seguito due percorsi in parallelo. Ho sposato in pieno la proposta della dirigenza: ricostruire la squadra e il gruppo partendo dai giovani su cui la società può già contare. L’obiettivo è quindi quello di lavorare per far crescere gli under e crescere insieme a loro. Un lavoro che ha già dato buoni frutti ad Asti e a Varese, e a Vado so che ci sono alcuni giovani di sicuro interesse con cui si può impostare un lavoro concreto”.

Il nuovo team manager Enzo Franceri ha spiegato il segreto vincente: “Ognuno ci mette qualcosa, qualcosa di buono. I risultati arriveranno dal campo, ma la squadra dovrà lottare compatta e unita”. Lo staff tecnico è completato dal preparatore atletico Armando Calligaris e dai massaggiatori Rudy Dagliano e Paolo Pollero.

Il presidente Drocchi ha poi aggiunto: “Siamo una società che si è affacciata da poco sul panorama nazionale. Dopo le promozioni, l’anno scorso abbiamo affrontato una retrocessione. E’ anche giusto perché lo sport è fatto così. Ora ripartiamo, ai giocatori chiediamo soprattutto onestà, verso la società, verso il tecnico e tra i giocatori stessi. E poi chiediamo di avere la voglia di sputare sangue in campo. Se si vuole essere amati bisogna avere un unico obiettivo: vincere. Serve una determinazione feroce in campo”. Rivolto ai giocatori ha aggiunto: “Avete la fortuna di essere dei giocatori, chi è già professionista e chi vede questo traguardo all’orizzonte. E’ arrivato un coach che abbiamo fortissimamente voluto, stimato da anni, e uno staff di estrema fiducia”.

La società tra l’altro ha puntato su soli sei senior, preferendo mettere un under in più rispetto a quanto richiesto dalle normative. Giocatori scelti per le loro capacità e in grado di portare il Riviera a disputare un campionato di vertice. Per gli under si è invece puntato sui giovani della società o cresciuti in squadre vicine: “Ragazzi di grandi potenzialità – commenta Drocchi -, starà a loro dimostrare il loro talento giorno per giorno. A tutti vorrei dire grazie per aver scelto Vado, la buona premessa è che è stato facile trovare l’accordo con tutti, significa che i giocatori erano i primi a credere in questa società. Non parliamo di ‘progetto’, perché è un termine di cui si abusa. Lo sport di oggi brucia rapidamente le emozioni, ma qui abbiamo due esempi di grandi professionisti: Paolo Patria, che dopo otto stagioni avrebbe potuto cercare nuovi stimoli e invece è rimasto legato a questa società, e Stefano Rusconi, che ha sposato la nostra voglia di fare bene”.

L’impressione è che questa squadra, in particolare i giovani, abbia la possibilità di aprire un ciclo. Drocchi ed il suo staff hanno fatto tesoro degli errori commessi in passato e Franceri ha esortato i giocatori: “Siate positivi”.

Nelle prossime settimane la squadra affronterà le prime amichevoli della stagione (lunedì 31 a Vado contro Tortona), poi il tuffo nella Coppa Italia all’inizio di settembre. Il debutto in campionato (il Riviera è stato inserito nel girone C, dell’Italia centrale) è previsto per il 27 settembre in casa della Tiber Roma.

[image:13891:c]

Il nuovo arrivato Fabio Fanchini

[image:13889:c]

Il capitano Paolo Patria

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.