IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Crisi economica, Ikea blocca le commesse: si ferma la Bormioli di Altare

Più informazioni su

Altare. La crisi economica e dei consumi tocca anche il gigante dell’arredamento IKEA. L’azienda svedese ha infatti deciso di imporre uno stop alla produzione della vetreria Bormioli Casa di Altare specializzata nella produzione di contenitori di vetro per la casa, per profumi e farmaci.

La riduzione delle commesse da parte della multinazionale ha causato un aumento delle giacenze di magazzino ed ha quindi costretto la direzione a prendere la decisione del blocco totale delle attività nello stabilimento che occupa circa 200 dipendenti,

Tra la direzione aziendale e le organizzazioni sindacali c’é stato un primo incontro per esaminare la situazione. Anche il coordinamento sindacale di gruppo si è incontrato e sono previsti ulteriori incontri a livello aziendale.

L’ orientamento é quello di fermare l’attività e di ricorrere agli strumenti più appropriati. “Potrebbe essere sufficiente il ricorso alle ferie arretrate, ma non è escluso un periodo di cassa integrazione ordinaria – è stato detto -. La situazione è comunque in continua evoluzione e si prevede una generale diminuzione dei livelli di attività per tutto il 2009”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Verissimo, tuttavia non abitando nel centro cittadino i negozi sotto casa sono pochi, la mobilita’ e’ garantita ed economica solo con il mezzo privato che trova posto solo nei supermercati che prendono in considerazione il problema.
    La soluzione sarebbe li’ a portata di mano …… consentire nei centri cittadini il solo parcheggio con tecnica “zona disco”.

    I problemi dei residenti, di chi in zona possiede una “seconda casa” di chi in centro lavora, …. vanno ovviamente risolti …. anche senza aggravio
    diretto per le loro tasche ma non va’ risolto aumentando a dismisura altri problemi …. piu’ importanti.

    Ovviamente e’ una opinione …. che vorrei tanto testare con la costruzione di un sistema di parchegi interrati messi a disposizione gratuita di chi in zona ha interessi diretti mentre ai turisti ed ai visitatori occasionali si lascia a disposizione gratuita “con disco orario” lo spazio di superficie e per soste maggiori lo spazio in questi parcheggi interrati … anche se a pagamento.

    In questo modo la concorrenza tra negozi e grandi magazzini tornerebbe ad essere una concorrenza leale …. almeno credo.

  2. Bruno Pirastu
    Scritto da Bruno Pirastu

    Sin quando sugli scaffali dei supermercati, compresa la Coop, si venderanno solo prodotti cinesi ( a prezzi Europei ) saranno molte le imprese che chiuderanno, non per la crisi ma per il profitto mercantile. Dalle palline di plastica per l’albero di Natale ai piatti di ceramica,dalle mutande alle scarpe , di tutto e di più. Così i soldi eventualmente messi per la ripresa finiscono in qualche conto miliardario in Cina e di importatori Italiani ( sempre cinesi ). Tutto sommato nei Discount ci sono più prodotti nostrani ( europei ) che nella grande distribuzione griffata. Il tragico è ,leggendo la notizia, che se da un lato il consumatore risparmia qualche euro , la stessa persona come cittadino ne spende di più in spese sociali per i cassa integrati o licenziati.

  3. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Il presidente … ci invita a …. fare … a consumare …. ad avere fiducia .

    Per contribuire ho pensato di ristrutturare una casetta, non mi serve ma …. tra figli e nipoti …

    Mi sono imbattuto nella normativa relativa ai lavori interni …. pare che per la legge si debba comunicare al comune anche interventi banali come imbiancare la cucina o cose simili.

    Dopo aver fatto fare e pagate una parte delle opere che avevo individuato senza ovviamente avvertire nessuno …. sono opere interne ….. mi sono reso conto di essere in errore ed ho interrotto tutto.

    Magari mi sbaglio ma prima di fare una comunicazione che ritengo del tutto fuori luogo voglio capirne il motivo e l’utilizzo che verra’ fatto da questa mia comunicazione, se non serve a nulla non la faccio …. e sono costretto non fare alcun lavoro ,,,,, e l’anno prossimo non acquistero’ nulla all’IKEA, cosi’ altre persone avranno minori occasioni di lavoro.

    Non sarebbe il caso …. oltre ad inviti ad aver fiducia …. eliminare un po’ di burocrazia “inutile” ….
    non credo assolutamente che il comunicare l’intenzione di dare una mano di bianco in casa abbia un qualche significato.