IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lettere al direttore

Ampliamento Tirreno Power: un’inutile dietrologia?

Ho letto su alcuni siti anche di ambientalisti che bisogna rinunciare ad inutili dietrologie, per collaborare tutti insieme a combattere l’ampliamento della centrale, onde evitare pericolose divisioni. Ormai si considerano le mie affermazioni inutili sfoghi di rabbia e molti si alleano con i loro padroni, proprio come i servi della gleba facevano con i loro feudatari, ad un tempo signori, padroni e carnefici (basta entrare nel sito di uniti per la salute per rendersene conto).

E’ particolarmente grave parlare di inutili dietrologie facendo ovvio riferimento ai miei articoli, invece di focalizzare l’attenzione sul fatto che se non si parte dal concetto che non è vero che Tirreno Power abbatte le emissioni con il nuovo progetto, non si arriva a nessun risultato.

Farò un esempio per essere più chiaro. Facciamo conto che un imprenditore chieda di fare delle case con l’amianto, magari perchè non ancora dichiarato fuorilegge, e gli enti locali facciano opposizione dichiarando che l’amianto non va bene perchè ha un brutto colore. Non è forse questa una opposizione di facciata? E se invece uno studioso dichiara che l’amianto non va bene perchè fa venire il cancro e, inascoltato, lo ripete anche dopo che il progetto è stato approvato, è forse sbagliato pensare che sia una vigliaccata dire che fa dell’inutile dietrologia?

Questo in sostanza è quello che purtroppo molti ambientalisti hanno abbracciato (tranne il “MODA”): non vogliamo l’amianto e invitiamo gli enti locali a collaborare con noi (dimentichiamoci che si dichiaravano contrari perchè ha un brutto colore e facevano una evidente opposizione di facciata, sono cose futili, inutile dietrologia).

Chiarire questo concetto è invece di fondamentale importanza per iniziare un discorso virtuoso. E’ ovvio che una commissione di VIA non avrà problemi ad ignorare una opposizione fatta in base al colore dell’amianto, mentre si troverà assai più in difficoltà ad opporsi ad enti locali che non vogliono l’ amianto perchè è cancerogeno (e portano a sostegno una robusta ed indiscutibile documentazione scientifica).

In definitiva per ora nessuno dice la cosa più importante, ossia che l’ampliamento porterà ad un aumento dell’inquinamento di 30 volte rispetto a quello dichiarato da Tirreno Power e per questo motivo bisogna contastarlo, non per altre motivazioni assai meno rilevanti.

Ecco, io continuerò a ripetere qual è il nocciolo del problema, perchè se non si capisce questo, non si va da nessuna parte. Mi fiderò dell’alleanza con gli enti locali quando anch’essi dichiareranno di concordare con questo concetto e quindi di avere sbagliato in passato, assumendosene la responsabilità politica, cospargendosi il capo di cenere, come si conviene a persone oneste che capiscono di avere causato un grave danno e che vogliono finalmente rimediare. Finora non l’ hanno ancora fatto.

Dott. Paolo Franceschi
Medico Chirurgo
Specialista in Pneumologia

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Cio che non si comprende e’ la nascita di post differenti sullo stesso argomento, in questo modo si disperde la possibilita’ di una contestazione efficace.

    Quando un post raggiunge una consistente partecipazione e visibilita’
    (mancano in IVG i contatori delle visite ma magari il buon Felix ce ne fara’ dono per Natale)
    andrebbe alimentato con i propri interventi.

    Apportare democraticamente la propria esperienza, il proprio contributo ad una discussione e’ un rispetto per l’opinione altrui, che talvolta non si apprezza appieno ma un proprio obiettivo diventa obiettivo comune solo quando e’ scremato di tanti particolari non essenziali e non condivisi, leggere le opinioni altrui aiuta a rendere essenziale il proprio pensiero.

    Ecco dopo attenta lettura di tutti i contributi sparsi qua’ e la’ si arriva all’essenziale da esprimere con un ….. si o un no. No.