IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Verdi: impugnata la legge regionale sulla caccia nelle zone incendiate

Più informazioni su

Liguria. Formalizzata dal gruppo consiliare dei Verdi la richiesta al Governo d’impugnare davanti alla Corte costituzionale la legge regionale numero 35 del 7 ottobre 2008, approvata a maggioranza il 30 settembre dall’Assemblea legislativa della Liguria e fortemente contrastata dal “Sole che ride”, che consente di cacciare gli animali selvatici nelle aree incendiate dopo soli tre anni dall’evento.

Cristina Morelli e Carlo Vasconi oggi hanno inviato l’istanza al presidente Silvio Berlusconi e ai ministri competenti Raffaele Fitto (Affari regionali), Stefania Prestigiacomo (Ambiente), Luca Zaia (Politiche agricole) affinché Palazzo Chigi attivi la procedura per conflitto di competenze e per contrasto con la normativa nazionale. Nella comunicazione si chiede anche che il Governo provveda a comunicare alla presidenza del Consiglio regionale l’immediata sospensione dell’efficacia della legge.

“Chiediamo al Governo – spiegano la capogruppo Cristina Morelli e il consigliere Carlo Vasconi – che intervenga impugnandola per contrasto alla normativa nazionale che stabilisce, con la legge statale numero 353 del 12 novembre 2000, all’articolo 10, il divieto di caccia per dieci anni nelle zone che siano state percorse dal fuoco, ciò al fine di tutelare la fauna colpita e particolarmente esposta su terreni incendiati. Mentre sul piano nazionale assistiamo a una levata di scudi, anche dal PD e da associazioni venatorie ad esso vicine, contro le gravi proposte di deregulation della caccia proposte in Parlamento dal Popolo della Libertà, qui in Liguria invece il centrosinistra si allinea con i consiglieri di centrodestra che rappresentano gli interessi della parte più retriva del mondo venatorio”.

“Siamo fiduciosi – concludono i Verdi – che la nostra richiesta avrà un seguito, poiché riteniamo si tratti di un atto dovuto da parte del Consiglio dei ministri. Come nel caso delle norme illegittime rispetto alle direttive europee sulla caccia in deroga ai piccoli migratori, per la quale la Liguria ha subito procedure di infrazione e messa in mora da parte della Commissione europea”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.